Dolomiti Friulane: il sentiero delle Bregoline

Un trekking sulle Dolomiti Friulane, un percorso di montagna sulle orme del maestoso e schivo Gallo Cedrone. Un itinerario tra vette, boschi e natura selvaggia nel cuore delle guglie dolomitiche

7 giugno 2022 - 6:53

Nonostante il Tetrao urogallus major, meglio noto come Gallo Cedrone, appartenga alla lista delle specie tutelate dalla Direttiva Uccelli, la famosa direttiva europea del 1979, è oggi particolarmente vulnerabile e il suo futuro rischia di venire gravemente compromesso.

Questo itinerario è ospitato da Parco Naturale delle Dolomiti Friulane  una delle poche aree ad ospitare il Gallo Cedrone.

L’itinerario

Partenza: Val Cimoliana – Pian Melùth (1163 m)
Arrivo: Val Settimana – Pont del Ciartèr (867 m)
Percorrenza: 9/10 ore
Fauna: possibilità osservazione fauna alpina (Camosci, Marmotte e Gallo Cedrone)
Periodo consigliato: da Giugno a Settembre.
Segnavia: CAI 370
Punto d’appoggio: Casera Roncada, Casera Bregolina Grande, Casera Bregolina Piccola

Lasciata la macchina al parcheggio presso il Ponte del Ciarter a Claut in Val Settimana, si supera a piedi il ponte sul torrente e si inizia il sentiero nr.370.

Si prosegue fino ad una mulattiera che porta in moderata salita lungo lo scosceso versante occidentale.

 

Proseguendo, si sale ancora e si attraversano i solchi dei torrenti dove si riesce a vedere la forra della Val Cerosolin e il suo ambiente fiabesco.

A sinistra si prosegue verso le casere Col d’Aniei e Bregolina Piccola. Al guado immediatamente sopra alla cascata può capitare di incontrare gli agili camosci.

Il sentiero scende in direzione della casera Bregolina Piccola, dove si giunge in pochi minuti per poi proseguire verso la Val Pezzeda.

Successivamente si prosegue verso la casera Bregolina Grande. Nel mese di luglio le orchidee attirano l’attenzione.

I cieli di questa zona del parco sono il dominio del rapace per eccellenza: l’aquila reale.

Dalla forcella Savalons appare per la prima volta il Campanile di Val Montanaia, la formazione rocciosa più famosa di tutte le Dolomiti Friulane.

L’ambiente circostante la forcella è favorevole per l’osservazione dei tetraonidi, famiglia cui appartiene il gallo cedrone, e delle marmotte ed offre uno spettacolo paesaggistico particolarmente meritevole.

L’itinerario prosegue attraverso il bosco fino alla casera Roncada. Dal bivacco il sentiero scende, fino a incrociare nuovamente il sentiero nr.370.

Dopo aver guadato il Sciol de Mont, guardando verso il basso alla base del ghiaione, si distingue il parcheggio di Pian Meluzzo e il Rifugio Pordenone.

Scendendo lungo i 13 chilometri di strada sterrata che percorre tutta la Val Cimoliana si arriva al paese di Cimolais.

Informazioni utili:

Parco Naturale Dolomiti Friulane
Via Roma, 4 – 33080 Cimolais (PN)
Tel. +39 042787333
Fax +39 0427877900
MAIL – info@parcodolomitifriulane.it

Scarica la scheda dell’itinerario

 

_ Scopri altri itinerari e percorsi in Friuli Venezia Giulia:

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trekking autunnali: 5 luoghi dove ammirare i colori di questa stagione

Alta Badia: 6 rifugi e malghe per gustare i sapori delle Dolomiti sui sentieri

Trentino: trekking al lago di Tovel, acque cristalline nel cuore delle Dolomiti