Liguria, trekking di primavera vista mare: da Bonassola a Monterosso

Ancora lontano dalle folle e dalla calura estive, andiamo alla scoperta di un itinerario che regala lo spettacolo dei profumi e dei colori della primavera nella Riviera Ligure di Levante, da Bonassola a Monterosso attraverso Punta Mesco, porta delle 5 Terre.

8 maggio 2023 - 12:15

Liguria, trekking di primavera sulla Riviera di Levante

In primavera la riviera ligure esplode dei profumi e della luce mediterranea.

In questi giorni in cui la folla estiva è ancora lontana, si può camminare sui sentieri vista mare godendosi il silenzio e la pace della macchia mediterranea e panorami unici sul mare.

L’itinerario da Bonassola a Monterosso, porta delle 5 Terre, è una piccola meraviglia da scoprire a passo lento, che si può fare in una sola giornata oppure in un weekend, per non perdersi neppure uno degli angoli segreti di questo piccolo paradiso.

 

L’itinerario: da Bonassola a Monterosso, camminare vista mare

Partendo dal centro di Bonassola, si percorre l’interna via Daneri, transitando di fronte alla casa del cartografo genovese Matteo Vinzoni, e giunti all’estremità del centro abitato si comincia a salire sul Sentiero Verde Azzurro in direzione Levanto.

Si attraversano alcuni ulivi incrociando qualche elegante villa e antiche case coloniche, fino al valico di Scernio. Da questo punto comincia un tratto più brullo di roccia viva e piccoli arbusti fino all’abitato di Levanto.

Questo segmento del Sentiero Liguria può essere alternativamente percorso imboccando la pista ciclabile litoranea, che ricalca l’antico tracciato della ferrovia. Si tratta di un percorso che presenta numerose gallerie e tratti a picco sul mare, raggiungibile tramite brevi sentierini.

 

Una volta a Levanto, si consiglia di percorrere il centro storico medievale proseguendo in direzione Monterosso. All’altezza del castello si imbocca quindi il sentiero SVA, che nella prima parte attraversa un’area urbanizzata salendo lentamente.

Lasciata la carrozzabile presso San Carlo, si entra nel Parco Nazionale delle Cinque Terre ed in particolare nell’area protetta di Punta Mesco. Qui si apre alla vista uno splendido promontorio verso il mare, mentre intorno la natura prende il totale sopravvento sui manufatti dell’uomo.

Si continua verso Monterosso incrociando il sentiero n.591, e si prosegue sempre sull’SVA per Monterosso.

In prossimità di una curva a gomito si consiglia una breve deviazione per ammirare l’Eremo di Sant’Antonio, da cui si gode di un panorama splendido che spazia su tutto il territorio del Parco.

Presso l’eremo il sentiero procede quindi in ripida discesa, su un percorso accidentato e a tratti friabile, circondato da vegetazione rada, mentre l’arrivo a Monterosso avviene in località Fegina, toccando eleganti ville tra cui quella che appartenne al poeta Eugenio Montale.

 

Informazioni utili

Il sito turistico ufficiale di Levanto è ricco di suggerimenti, news e itinerari da esplorare

La pagina del sito ufficiale del Parco delle 5 terre dedicata agli itinerari di trekking del Parco Letterario Eugenio Montale, il poeta legato a Monterosso.

La pagina Facebook della Pro Loco di Bonassola

 

 

Scopri gli altri itinerari e percorsi in Liguria

Seguici sui nostri canali social!
Instagram – Facebook – Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lazio, in cammino sull’Appia Antica: sulle tracce della storia

Emilia, passeggiata panoramica di primavera alla vetta del Monte Caio

Trentino: 4 trekking panoramici di media difficoltà da fare in giornata