Anello del Sacro Monte d’Orta

20 maggio 2018 - 20:24

Il più occidentale fra i laghi prealpini, originato dal fronte meridionale del ghiacciaio del Sempione, si trova a ovest del Verbano, separato da questo dal monte Mottarone.

Il litorale del Lago D’Orta presenta dintorni pittoreschi, mentre sulle sue acque sorge l’isoletta di San Giulio con la basilica omonima del IV secolo e ricostruita nei secoli IX e XI. L’escursione sale lungo il Sacro Monte con le 20 cappelle affrescate dal Morazzone.

Il percorso ha inizio dalla cittadina turistica di Orta San Giulio, più precisamente da Piazza Mario Motta dove è possibile imboccare la salita al Sacro Monte, un’ampia via selciata che sale prima alla Chiesa dell’Assunta e poi al cimitero di San Quirico.

Proseguendo verso sinistra si arriva allo spettacolare arco di ingresso del Sacro Monte, complesso costruito nel 1590 e composto da una ventina di cappelle che raccontano la vita di San Francesco D’Assisi. Subito dopo l’ingresso alla zona sacra si incontra una fontana del 1666 che accoglieva i pellegrini con indubbio significato purificatorio.

Una volta superato l’arco si intraprende il percorso devozionale immergendosi nella storia e nell’arte di questo luogo grazie all’infinita quantità di sculture, affreschi e statue presenti all’interno delle singole cappelle. Prima di lasciare il monte si notino anche le meraviglie naturali del luogo tra cui lo splendido viale dei carpini e i tanti alberi secolari. Si inizia poi la discesa sul versante opposto del monte, seguendo l’asfaltata che porta prima ad un parcheggio e poi alla Via Panoramica tramite un sentiero selciato e scalinato.

Una volta completata la discesa si imbocca il sentiero pedonale lungolago indicato da un cartello marrone. Occorrono 45 minuti per completare in tutta tranquillità l’anello e godere dei panorami sul lago o sulle alture circostanti.

Ritornati ad Orta San Giulio si ha la possibilità di utilizzare il battello (partenze ogni 15 minuti) per visitare la piccola isola di San Giulio, situata a 400 metri dalla riva, che ospita un grande seminario sorto sulle rovine di un antico castello.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La traversata del Gran Sasso

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo

Dolomiti: Cima Rosetta e traversata delle Pale di San Martino