Trentino, 9 splendide passeggiate estive alla scoperta delle cascate

Arriva l'estate, la stagione ideale per camminare alla scoperta delle cascate nascoste tra le montagne del Trentino: ecco 9 itinerari panoramici per ammirare queste meraviglie d'acqua

7 giugno 2024 - 15:00

La meraviglia d’acqua del Trentino: 9 trekking alla scoperta delle cascate

In estate il Trentino regala luoghi nascosti e meravigliosi da scoprire. Tanti sono i sentieri meno battuti che conducono a luoghi naturalistici che lasciano a bocca aperta.

Scoprire una cascata è quasi come rigenerarsi dopo una lunga corsa, un’emozione che riallineerà il vostro equilibrio con la natura circostante.

Il segreto è rimanere in silenzio, ascoltare lo scrosciare del torrente e lasciarsi guidare dal canto delle acque limpide che scorrono su pietre dolci e levigate.

Ecco nove itinerari alla scoperta della meraviglia delle cascate del Trentino.

 

1- Val di Fiemme: alla scoperta della cascata di Cavalese

Vie in sanpietrino, piccole baite in sasso, vista sulla valle: è dalla piccola frazione di Masi di Cavalese che parte questa passeggiata tanto facile quanto piacevole, nella splendida cornice della Val di Fiemme.

Il sentiero permette di attraversare prati e pascoli fino ad arrivare in un bosco, proprio davanti alla Cascata di Cavalese, considerata una delle meraviglie della Val di Fiemme.

Si tratta di un salto spettacolare di circa 20 metri di acque rigeneranti.

Si parte dalla piccola frazione di Masi di Cavalese che, nella parte alta dell’abitato, vi offrirà una vista spettacolare sul fondovalle e la vallata sottostante.

Piano piano le case lasceranno spazio ai prati e ai pascoli fino alla conca di Salanzada, una fiorente radura rallegrata dal costante scampanellio delle mucche al pascolo.

La strada sterrata che scende verso valle attraverso il bosco e sbuca proprio davanti alla splendida cascata, un salto di acque fresche e impetuose circondate da una natura lussureggiante.

Un’attrazione sicuramente da non perdere è la passerella in acciaio inaugurata nel settembre 2019, che permette di avvicinarsi alla cascata dall’alto, il punto più suggestivo da cui ammirarle.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

2- Passeggiata in Val di Sole alla cascata Sass Pisador

Questa piacevole escursione vi guiderà fino alla splendida cascata “Sass Pisador”, uno spettacolo naturalistico da non perdere.

Oltre alla cascata, poi, c’è anche una curiosità da tenere a mente: il cielo di Valpiana è stato decretato da Astronomitaly come uno dei cieli più belli d’Italia per l’osservazione delle stelle.

Per imboccare la passeggiata dovrete percorrere la strada che sale dal borgo di Ossana, fino all’imbocco di Valpiana.

Giunti lì, assisterete alla bellezza unica di questa valle, perpendicolare rispetto alla Val di Sole: verdi pascoli, acque freschissime e pareti rocciose che lasciano a bocca aperta.

Il sentiero conduce in un bosco di latifoglie che si sviluppa alla base di rupi altissime, e che nasconde anche la cascata.

Al termine del percorso, giusto al termine di un boschetto sito nella parte sommitale del pascolo della vallata, potrete trovare anche una malga in cui avrete l’occasione di ristorarvi e godervi un po’ di panorama.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

3- Parco Naturale Adamello Brenta: trekking alle cascate di Nardis e Lares

L’itinerario si trova all’interno del Parco Adamello Brenta, un percorso relativamente semplice che costeggia il fiume Sarca fino alle cascate nascoste della Val di Genova: Nardis e Lares.

Una volta raggiunte le cascate Nardis, visibili dalla strada, potrete parcheggiare di fronte all’omonimo rifugio.

Il sentiero parte dalla destra del rifugio, al termine del ponte, vicino al fiume Sarca.

La passeggiata può essere notevolmente accorciata partendo da Ponte Rosso, poco dopo il rifugio Fontana Bona.

In questo caso, dopo aver parcheggiato nell’ampio parcheggio in prossimità del ponte, dovrete attraversarlo e imboccare il sentiero 214 che, in 15 o 20 minuti, conduce fino alle fragorose cascate.

Le cascate di Lares sono uno spettacolo affascinante per via dell’imponente fragore che sprigionano e per lo spumeggiare delle acque.

I prati di Malga Genova, poi, sono un’area ottimale per una sosta e un picnic.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

4- Cascata del Rio Bianco, l’acqua delle Dolomiti di Brenta

Originata dai cunicoli carsici della parte meridionale delle Dolomiti di Brenta, la cascata del Rio Bianco riposa in inverno e sgorga in primavera ed estate.

Dallo stesso complesso nascono anche il Rio Cugol e il Malea-Barbison, raggiungibili entrambi grazie a un suggestivo percorso di visita.

Il sentiero della Cascata del Rio Bianco, altamente suggestivo e sito nel Parco Naturale Adamello-Brenta, vi farà  scoprire il mondo dell’acqua e quello delle caratteristiche piante officinali.

L’itinerario, poi, vi farà proseguire lungo il BoscoArteStenico, dove capolavori artistici, integrati perfettamente con il bosco circostante, contribuiscono ad arricchire l’itinerario.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

5- Trekking a due passi da Trento: l’Orrido di Ponte Alto

Basta spostarsi di qualche chilometro rispetto dal centro di Trento per ammirare due bellissime cascate tuffarsi in uno stretto canyon tra le rocce.

Si tratta dell’Orrido di Ponte Alto, un posto sconosciuto ai più, ma che probabilmente lo sarà ancora per poco per via della sua spettacolarità davvero unica.

Questo canyon è stato scavato dalle acque tumultuose del torrente Fersina nel corso di migliaia di anni.

Oltre alla sua bellezza naturale, l’Orrido possiede un importante valore storico.

Qui, nel 1500, al fine di scongiurare le alluvioni in città, sono state costruite alcune delle opere idrauliche più antiche del mondo che hanno dato vita a due spettacolari cascate di oltre 40 metri che si fanno strada tra pareti di roccia rossa, creando emozionanti giochi di luci e suoni.

Considerato un’attrazione turistica della città di Trento fin dai primi del Novecento, il percorso tra le pareti del canyon venne chiuso, per motivi di sicurezza, negli anni Ottanta.

Grazie però a un lavoro di manutenzione e ristrutturazione iniziato nel 2015, oggi il percorso è stato riaperto ai visitatori che possono avventurarsi tra rocce e cascate solo accompagnati da guide esperte.

Questo sia per ragioni di sicurezza, sia per aiutare a comprenderne fino in fondo la storia e anche la mitologia di questo luogo.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

6- Escursione in Val di Sole alla cascata Piz del Pai

Questa escursione di medio-facile difficoltà si sviluppa, in parte, nei freschi boschi della Val di Peio e, in parte, su una comoda strada sterrata esposta al sole.

La cascata Piz del Pai è un piccolo ma affascinante salto d’acqua che potrete ammirare prima che sparisca nella stretta gola di rocce sottostanti.

Si tratta di un luogo fresco e verdeggiante certamente da non perdere.

Questa piacevole passeggiata ha inizio a monte del piccolo paese di Celentino e vi farà passare per ampi e verdi prati esposti ai caldi raggi del sole, per poi addentrarsi in fitti boschi dove godere di una piacevole brezza rinfrescante.

Lasciata la comoda strada sterrata, il percorso continuerà lungo un semplice sentiero fino alla cascata.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

7- Ledro, trekking nella natura selvaggia alla scoperta della cascata del Gorg d’Abiss

Il percorso proposto conduce in un luogo antico e selvaggio.

La cascata del Gorg d’Abiss, sita vicino alla località di Ledro, è infatti capace di sorprendere anche l’esploratore più disincantato.

Gorg d’Abiss, “vortice dell’abisso”, è il nome della cascata che il Massangla ha scavato nella roccia nel corso dei secoli.

Appare all’improvviso, inaspettatamente, come se l’acqua sgorgasse direttamente dalla roccia.

Si tratta di un posto segreto ma, in ogni caso, alla portata di tutti.

L’escursione è particolarmente adatta alle famiglie con bambini che cercano una passeggiata semplice e tranquilla senza rinunciare a un pizzico di avventura.

Il campanile della chiesa di Tiarno di Sotto si contende il primato per il campanile più alto del Trentino con quello di Pinzolo, nella vicina Val Rendena.

All’inizio del sentiero che porta alla cascata si trova il Mulino dei Bugatini, l’unico tra i numerosi mulini ad acqua che punteggiavano il corso del Massangla a essersi conservato fino ai giorni nostri.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

8- Val di Non: a meraviglia della cascata di Tret

Si potrebbe definire la cascata di Tret come la cascata nascosta fra i canyon.

Questo splendido tuffo d’acqua, infatti, si svela come un’incantevole sorpresa al termine dell’escursione che dal paese di Fondo si addentra nel bosco percorrendo antiche vie di pellegrinaggio.

Si tratta di un comodo itinerario percorribile anche in famiglia che offre panorami spettacolari sull’intero canyon del Mondino oltre che sulla splendida cascata.

Il tratto di sentiero che porta alla base della cascata è, al momento, chiuso.

Una volta arrivati a Tret, il consiglio è quello di proseguire in piano per arrivare al punto panoramico proprio sopra la cascata.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

9- A Vallesinella verso le cascate più fotografate del Trentino

Le cascate di Vallesinella sono un vero tesoro per gli amanti della wilderness.

Assieme alle Cascate Nardis in Val di Genova sono tra le più attrattive e spettacolari di tutto il Trentino.

Immerse in un contesto straordinario, il Parco Naturale Adamello Brenta, lasciano ogni visitatore a bocca aperta.

Sono facilmente raggiungibili grazie a una comoda passeggiata tra boschi di faggi e abeti ai piedi delle Dolomiti a due passi da Madonna di Campiglio.

Vallesinella ricorda, con il suo nome, i tempi in cui i rifugi della valle (Tuckett, Brentei, Alimonta e Pedrotti) collegati dalla ferrata delle Bocchette, si raggiungevano sugli asini.

Le cascate che la attraversano, suddivise in Alte, di Mezzo e Basse, a seconda della quota da monte a valle in cui sono collocate, creano salti d’acqua così maestosi che non si può fare a meno di scattare una foto.

Per visitarle occorre percorrere un sentiero che parte dal parcheggio di Vallesinella.

L’itinerario conduce prima alla base delle cascate Alte, dove alcune passerelle che attraversano il Sentiero delle Sorgenti  permettono di ammirarle in tutto il loro splendore.

_ Tutti dettagli sulla pagina di VisitTrentino

 

Informazioni utili

_Sul sito ufficiale di VisitTrentino i dettagli di tutti gli itinerari di trekking

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trentino d’estate: 10 indimenticabili cose da fare sulle Dolomiti

Come proteggersi dal sole durante le escursioni estive: ecco alcuni consigli utili

Emilia, alla scoperta della Via Bibulca, antico cammino tra storia e natura