Dolomiti a marzo con le ciaspole, spettacolare salita al Rifugio Firenze

Neve abbondante a marzo per una fine inverno da godere sulle ciaspole. Andiamo alla scoperta delle spettacolari Dolomiti della Val Gardena: camminiamo da Santa Cristina fino al Rifugio Firenze, 2037 metri, inaugurato nel 1888 dalla Sezione Alpina di Ratisbona, uno dei primi rifugi costruiti sulle Alpi

6 marzo 2024 - 8:00

Dolomiti con le ciaspole, la meravigliosa Val Gardena

Ciaspolare in Val Gardena offre un’esperienza di bellezza senza pari.

I paesaggi montani incantati si trasformano in un paradiso invernale. Le maestose Dolomiti avvolte dalla neve offrono scenari da sogno.

La quiete della natura invernale, interrotta solo dal suono dei passi nelle ciaspole, permette un contatto unico con l’ambiente circostante.

Le foreste coperte di bianco creano un’atmosfera magica.

La vista delle vette imponenti e dei pendii innevati incanta i sensi.

La fresca aria di montagna e la sensazione di libertà regalano momenti indimenticabili.

Da Santa Cristina in Val Gardena al Rifugio Firenze

Un’escursione semplice e su terreno sempre sicuro anche dopo abbondantissime nevicate.

Può essere una gratificante meta a sé stante, oppure semplice compendio o punto di partenza per altre escursioni o varianti.

L’accesso più immediato e semplice è quello dagli impianti (cabinovia) del Col Raiser (m 2102) che si prendono da Santa Cristina in Val Gardena.

Dalla stazione a monte, dopo una sosta panoramica, si lasciano gli impianti da sci e si scende puntando verso il massiccio della Stevia, tra cembri e straordinari scorci panoramici sul Sassolungo e sulle Odle.

Ci si muove seguendo il tracciato estivo, se visibile, o comunque puntando verso la Stevia.

In breve, una ventina di minuti, si giunge alla radura dove sono situate le strutture del Rifugio Firenze (m 2037).

Si tratta di un punto che offre un panorama circolare quasi completo sulle montagne gardenesi.

Si cammina ora, puntando le Odle, seguendo le indicazioni per il Rifugio Genova e per il Sass Rigais (sentiero n. 13), lasciando sulla destra il rifugio.

Alcuni brevissimi saliscendi e un tratto in lieve salita portano allo spiazzo del Plan Ciautier (m 2263), uno dei luoghi più appartati dell’intera Val Gardena.

Si trova proprio ai piedi delle Odle e del Sass Rigais (m 3025), massima elevazione del massiccio.

Si prosegue verso sinistra, in direzione della Seceda (sentiero n. 2b).

Si supera la modesta elevazione del Col de Coi (m 2301) per poi scendere brevemente e deviare a sinistra, in direzione del Rifugio Firenze, non visibile da qui.

Si cammina tra le dune imbiancate sino ad incrociare il sentiero dell’andata e tornare così al rifugio e, successivamente, alla stazione a monte degli impianti della cabinovia del Col Raiser.

 

Informazioni utili

Gli orari e i prezzi degli impianti del Col Raiser si trovano nella pagina ufficiale della Cabinovia

Il sito ufficiale del Rifugio Firenze contiene interessanti informazioni sulla storia del rifugio e sulle montagne circostanti.

Scopri gli altri itinerari e percorsi in Trentino Alto Adige

Seguici sui nostri canali social! 
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trentino magico in primavera: 5 itinerari spettacolari e panoramici

Trentino meraviglioso di fine inverno, 10 itinerari panoramici sui laghi

Neve a marzo, la guida alpina Piccoliori: come andare sulle ciaspole