Piemonte, Valle Stura di Demonte: con le ciaspole nelle Alpi Marittime

La neve rende la Valle Stura di Demonte un luogo meraviglioso per chi ama camminare con le ciaspole o dedicarsi alle attività outdoor invernali. Ecco alcuni suggerimenti per vivere l'inverno in quest'angolo di Piemonte

23 gennaio 2023 - 6:43

Dai 636 metri di Borgo San Dalmazzo ai 1996 metri del Colle della Maddalena, lungo la tortuosa strada che risale fino alla testata della valle, si staccano strette conche laterali, solcate da piccoli affluenti del torrente Stura, come il Rio Freddo, il Corborant, il Kant e il Sant’Anna.

Vallate che aprono prospettive speciali per piacevoli passeggiate con le racchette da neve.

Tra fiabeschi boschi di abete bianco, abete rosso, larice e pino cembro oppure, a quote maggiori, lungo pianori innevati alla scoperta dei laghi di Roburent, dei laghetti di Vens, e altri ancora, che alle rigide temperature invernali non possono certo definirsi specchi d’acqua.

Immersi nella natura protetta dal Parco naturale delle Alpi Marittime, non mancano siti d’interesse storico-cultuale, nonché artistico, come la Chiesa parrocchiale di S. Dalmazzo, o quella di S. Donato a Demonte, paese incantevole grazie anche ai suoi portici.

A quote maggiori tracce di tradizione alpina traspaiono nei borghi montani di Ferriere, San Bernolfo, Neraissa e non solo.

Straordinari sono anche gli esempi di architetture militari tipiche dell’arco alpino, dalle fortezze alle batterie disseminate in tutta la valle.

Ne è un maestoso esempio il Forte di Vinadio, la più imponente struttura del territorio, costruita tra il 1834 e il 1847 per voleredi Carlo Alberto di Savoia, e oggi scrigno a manifestazioni di grande fascino.

Infine, Sant’Anna di Vinadio, il santuario più alto d’Europa, a 2010 metri sul livello del mare, immerso in un anfiteatro alpino davvero unico per suggestione e bellezza.

Galassia bianca: ciaspole

D’inverno la Valle Stura di Demonte invita alla curiosità, all’avventura, a provare qualcosa di diverso.

Quel qualcosa di diverso sono i percorsi sulla neve, lungo itinerari il più delle volte tabellati, realizzati per l’escursionismo primaverile-estivo, ma che sembrano pensati anche per le racchette da neve.

Naturalmente nessuno vieta di percorrere le piste secondo l’ispirazione del momento, tracciando da soli il proprio itinerario, con l’accortezza, sempre, di scegliere pendii non troppo ripidi e di essere sempre vigili e attenti, perché il rischio di valanghe e slavine esiste.

Strumento indispensabile sono, ovviamente, le ciaspole, grazie alle quali si può camminare sulla coltre di neve che, da queste parti, spesso è abbondante durante l’inverno.

In queste valli si possono fare incontri davvero speciali, soprattutto con gli ungulati come i camosci, i cervi o gli stambecchi.

In Valle Stura di Demonte vivono delle numerose comunità di questi animali, che non è difficile osservare durante un trekking invernale.

Anche il lupo, “invisibile” al comune mortale, ha fatto recentemente la sua ricomparsa sulle Alpi Marittime, con un branco stabile nella zona compresa fra il Colle della Lombarda e il Colle del Puriac.

Altro ritorno gradito è quello del gipeto, il più grande rapace presente in Italia, la cui sagoma, con una apertura alare di quasi tre metri, si staglia nuovamente nei cieli della Valle Stura.

Nell’alta Valle Stura di Demonte, la stazione per lo sci alpino dell’Argentera è nota per l’ottima qualità della neve e per il buon innevamento.

La stazione sciistica è ubicata al centro di un paesaggio tipicamente alpino, con 30 km di piste, si sviluppa su un dislivello di ben 1000 metri, proponendo pendenze adatte a sciatori di tutte le capacità.

A metà valle sorge invece il Centro Fondo “Scricciolo” di Pietraporzio (il suo titolo è conferito da uno dei soprannomi con cui viene chiamata la campionessa Stefania Belmondo), che conta 4 anelli per un totale di 20 km, immersi tra boschi di abeti, zone pianeggianti, in un ambiente incantevole ai piedi della borgata Pontebernardo.

Altro centro per lo sci di fondo si sviluppa tra la Piana di Aisone e Vinadio, fino a varcare i bastioni di Forte Albertino, lungo 7 anelli di per un totale di 45 km, praticabili anche ai sciatori principianti.

Anche a Festona, a quote inferiori, piste di varia difficoltà e livello si snodano tra castagni e zone più soleggiate.

Per chi privilegia gli spazi vergini, o quasi, suggeriamo un itinerario per lo sci fuori pista, in ambiente suggestivo e selvaggio, nel Vallone della Valletta che conduce al Pinet nel Parco.

Infine, in una cornice alpina stupenda, non perdetevi le tante e belle piste di Bagni di Vinadio, che si dipartono dalla borgata alpina di Strepeis, a breve distanza dallo stabilimento Termale.

La più bella, forse, è quella che conduce a San Bernolfo, borgata di alto valore architettonico.

La vera vocazione della zona è tuttavia lo sci alpinismo e tra i più interessanti itinerari segnaliamo le salite al monte Vaccia, al Vallone del Piz ed al Pian del Balour.

Alla fine, quello che è certo, non resterete impassibili agli aspetti quasi fiabeschi conferiti dai paesaggi innevati della Valle Stura di Demonte.

 

_ Informazioni utili sull’outdoor invernale nella valle si trovano sul sito Visti Cuneese

 

Scopri gli altri itinerari e percorsi in Piemonte

 

Seguici sui nostri canali social!
Instagram – Facebook – Telegram

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Monte Abetone: ciaspolare tra le nevi dell’appennino

Liguria con le ciaspole, Val d’Aveto: Monte Penna e Passo Cereghetto

Con le ciaspole vicino Milano: salita al Rifugio Capanna 2000 sulle Orobie