I sentieri dei Taburri

18 marzo 2020 - 9:53

Di fronte alla fontana, verso nord-ovest, si prende la mulattiera che passa dietro la “Casa del Pastore”, abbandonata, ma con una tettoia che può servire da riparo in caso di maltempo, che scende ripida fino a sfiorare la strada carrozzabile ed immettersi su quest’ultima più in basso, nei pressi di due antichi capanni in sasso sui lati di un tornante. Girando a sinistra seguiamo la carrozzabile sino al primo tornante dal quale si stacca a sinistra un bel sentiero (segnavia 431) che segue da vicino i tre salti delle cascate e, a monte di queste, il corso del torrente Doccione, fino a sfociare sulla stradetta i Taburri-Serralta nei pressi di una passerella in legno. Di qui verso sinistra si ritorna in breve ai Taburri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà