Il Giro della Valle della Turrite

18 marzo 2020 - 9:51

Lasciato il centro di Gallicano in direzione Vergemoli si passa sotto un tipico arco, dopodiché si prende sulla sinistra uno stradino carrozzabile che segue la destra idrografica del torrente Turrite.
In prossimità di una casa, che si trova sulla nostra destra, si lascia lo stradino per prendere a sinistra una mulattiera che sale in direzione di Verni (ore 1,30).
Verni, posto sui fianchi del M. Palodina, mostra ancora la bella porta del suo antico castello ed un’artistica fontana.
Le case, anche le più umili, sono ornate da portali fi-nemente lavorati in pietra e dai balconi fioriti.
Attraversato il paese imbocchiamo sulla destra una mulattiera in discesa per arrivare a un vecchio mulino. Il sentiero in salita raggiunge il tipico centro di Trassilico arroccato su un colle di fronte alla Pania (1,30).
Il paese è molto antico; i Lucchesi tennero questo borgo fino al 1400 quando passò agli Estensi che ne fecero una importante vicaria.
Notevole la chiesa romanica. In questo centro del 1661 nacque il famoso naturalista Antonio Vallisneri.
Si continua nel bosco seguendo da prima una stradello poi un sentiero che si snoda nelle vicinanze del crinale per raggiunge poi la carrozzabile sterrata che in breve conduce a S.Pellegrino.
Questo paese, costituito da gruppi di case costruite nei punti più elevati è sorto intorno al 1400 come testimoniano le date che si leggono ancora sulle abitazioni.
Interessante da visitare la chiesa dedicata a S.Pellegrino dal cui piazzale si gode una vista unica delle Panie, del M. Croce e del M. Forato, caratteristica vetta costituita da un grande arco naturale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali