Il Lago Devero

18 marzo 2020 - 9:55

Superati dei ruscelli con due ponti, nei pressi di un baitello, si prende un sentierino che si inerpica con dei tornanti raggiungendo alla fine un vallone pianeggiante detto Canaleccio. Il luogo ci consente una splendida vista sul gruppo del Cistella, alle nostre spalle e sul gruppo dell’Arbola davanti a noi.
Verso la fine del Canaleccio, sulla destra, si imbocca un sentiero, che con ampi tornanti, giunge in breve all’alpe Forno Inferiore. Da qui, un cartello ci indica la direzione (verso Devero) per l’Alpe Della Valle che si raggiunge, senza sentiero obbligato, attraversando ampi pascoli in zona pianeggiante che ci consentono di ammirare i numerosi laghetti della Satta, più o meno grandi a seconda della stagione.
Dall’Alpe della Valle si scende su un buon sentiero che segue inizialmente il corso del Rio della Valle e poi, superata una bella cascata, si immette in un lariceto, ricco di rododendri durante la stagione estiva, che ci riporta al Lago Devero.
Seguendo il sentiero pianeggiante si giunge, in breve, alla diga e in seguito a Crampiolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà