Il parco nazionale dello Stelvio

18 marzo 2020 - 9:48

Si parte poco a valle del ponte sull’Adda sulle rive del Lago di San Giacomo e si risale il lato orografico destro della Val Alpisella con una serie di tornanti nella vegetazione d’alto fusto. Si prosegue poi per pascoli e si raggiunge una conca chiusa a nord dalle guglie dolomitiche della cresta orientale del Pizzo del Ferro e a sud dalla costiera del Monte Torraccia e del Monte Pettini. Continuando a salire verso nord ovest in breve si raggiunge il Passo di Alpisella col suo suggestivo laghetto di escavazione glaciale (2255 m).
Al ritorno, invece di ripercorrere la strada di salita, si prende il sentiero di sinistra segnalato dal CAI di Livigno che tenendosi sul versante orografico sinistro della valle in breve porta alle sorgenti dell’Adda, situate in un sottostante avvallamento. Si continua quindi sul sentiero che taglia le pendici meridionali del Pizzo Aguzzo e poco alla volta si trasforma in mulattiera in gran parte invasa da un fitto bosco di pini mughi che rende difficoltosa la marcia. Facendo attenzione ad alcuni tratti franati, con un percorso altamente panoramico si aggira il costone roccioso dal quale compare il bellissimo bosco di pini mughi che riveste il vasto pianoro retrostante il Passo di Fraele. Si inizia quindi a perdere quota a larghi tornanti fino a scendere sul fondovalle all’altezza del parcheggio del passo a poco distanza dal punto di partenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà