Il Reventino – Boschi tra due mari

18 marzo 2020 - 9:50

Semplice ed agevole passeggiata interamente su stradella segnalata da alcuni cartelli della comunita montana. Il toponimo Mancuso deriva dall’identico vocabolo dialettale che significa “esposto a tramontana” Sulla sua vetta si trova una base Nato.
Descrizione: si prende la stradella a fondo naturale al centro che corre quasi interamente in piano nella faggeta. Al bivio proseguire a destra, si passa accanto a un casotto con fontana. Dopo circa due chilometri si entra nel bosco di abete bianco e faggio e si arriva ad un nuovo quadrivio. Prendere a destra e subito dopo, al trivio, continuare dritto. Si entra nella pineta e poco dopo si costeggia sulla sinistra il recinto faunistico dei caprioli (vicino vi sono altre due aree con daini e mufloni facilmente osservabili). Si prosegue oltre il recinto e poco dopo, scendendo a sinistra si raggiunge il rifugio forestale di Gennarelle, con fontana. Ritorno per l’itinerario dell’andata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trentino d’estate: 10 indimenticabili cose da fare sulle Dolomiti

Emilia, alla scoperta della Via Bibulca, antico cammino tra storia e natura

Lazio: 3 itinerari con vista sulla Via Francigena, da Bolsena a Vetralla