Il Sentiero dei Molini

18 marzo 2020 - 0:22

Partendo dal campo sportivo di Castagneto Carducci, dopo circa 1 km si giunge al Mulino del Rotone, oggi completamente restaurato con cura, che è il più antico che si conosca di tutto il circondario di Castagneto Carducci.
 
Intorno al Mulino del Rotone, molte sorgenti spontanee rendono suggestivo l’insieme. Proseguendo lungo l’itinerario, si toccano anche, a seguire, il Mulino di Mezzo e il Mulino di Cima.

Più avanti, si incontrano numerose carbonaie e, ancora, Ponte di Sotto e Ponte di Sopra, costruiti nel secolo scorso ricorrendo alla pietra, ponti su cui ancora oggi passa l’acquedotto. Passato questo punto, dopo 1 km circa da Ponte di Sopra si arriva all’area di sosta e ristoro.

Riprendendo il cammino, si guadagnano infine i ruderi detti La Fiora, nei pressi dei quali si trova la sorgente conosciuta come la Bolla del Conte Piero; segue, dopo poco cammino, il crocevia che segna la fine del percorso.
 
Da qui, si può seguire il percorso numero 1, che riporta a Castagneto Carducci, o quello numero 3 che conduce a San Carlo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Rocciamelone: al cospetto del Re delle Alpi

Via di Linari: un cammino medievale di 100 km tra Emilia e Toscana

Siena, il Grande Anello: trekking tra le colline del chianti