Nasce l’Alta Via Connessa: un collegamento tra Alta Via dei Parchi e dei Monti Liguri

L'Alta Via Connessa collega l'Alta Via dei Monti Liguri e l'Alta Via dei Parchi formando un “ponte escursionistico” di oltre 900 chilometri che collega le Marche alla Liguria, fino al confine con la Francia.

8 dicembre 2021 - 16:40

E’ ufficiale la nascita dell’Alta Via Connessa, un vero e proprio collegamento escursionistico tra l’Alta Via dei Parchi e l’Alta Via dei Monti Liguri.

Un tracciato di ottanta chilometri che unisce due tra le alte vie più note d’Italia.

L’Alta Via dei Parchi che unisce quasi tutte le aree protette dell’Appennino emiliano-romagnolo e l’Alta Via dei Monti Liguri che è la vera e propria spina dorsale montuosa della Liguria, che l’attraversa da La Spezia a Ventimiglia.

Questo nuovo itinerario andrà a formare un sistema di itinerari in cresta lungo oltre 900 km che collega Carpegna, in provincia di Pesaro-Urbino, proprio a Ventimiglia, lembo occidentale della Liguria.

Un itinerario di 80 km in 4 tappe

Il nuovo  itinerario si sviluppa in 80 km divisi in 4 tappe che attraversano tre regioni: Emilia Romagna, Toscana e Liguria.

Un collegamento tra l’Appennino Tosco-Emiliano e quello ligure. L’Alta Via Connessa permette un ulteriore collegamento tra le valli del Taro, Ceno, Manubiola, Magra, Vara, Graveglia, Sturla, Aveto.

Il progetto è stato realizzato principalmente attraverso il recupero e la manutenzione di sentieri esistenti, che sono stati riqualificati, puliti e connessi tra loro. Importante anche il lavoro di ristrutturazione di rifugi e bivacchi lungo il percorso, per consentire un’effettiva fruibilità del tracciato

Sono state posizionate lungo l’itinerario tabelle e segnavia per segnare tutto il percorso.

Per chi vuole intraprendere il cammino è stato realizzato anche un sito web informativo e e una web App che offrono informazioni e servizi ai fruitori.

Attraverso l’App assolve si potranno seguire le tracce del sentiero ma anche condividere le proprie esperienze sul percorso, inoltre l’applicazione permetterà di avere dati statistici per il monitoraggio dell’alta via.

La credenziale del viandante è virtuale e si ottiene con la registrazione sul sito, lungo il percorso sono presenti Qr code da scansionare che assolvono alla funzione di timbri sulla credenziale.

Un modo per conservare un ricordo del percorso nel tempo, un diario di tutte le tue tappe raggiunte.

Le tappe dell’Alta Via Connessa

  • Prima tappa: dal Passo della Cisa al Passo dei Due Santi, attraverso il monte Molinatico (25.4km). Una tappa di crinale tra Emilia-Romagna e Toscana, sulle tracce di antichi insediamenti dei pastori e dei “carbonai”.
  • Seconda tappa : dal Passo dei Due Santi al Passo Cento Croci, attraverso il Monte Gottero (19 km). Tappa che tocca la Foce dei Tre Confini, punto di congiunzione tra Emilia-Romagna, Toscana, Liguria e il magnifico Monte Gottero.
  • Terza tappa: dal Passo Cento Croci al Passo del Bocco attraverso il Monte Zatta (23 km). Tappa a cavallo tra Emilia-Romagna e Liguria, ha come “pezzo forte” il monte Zatta, splendido terrazzo sul Golfo del Tigullio.
  • Quarta tappa: Dal Passo del Bocco al Passo del Chiodo attraverso il Monte Penna (12 km). Un panoramico sentiero di crinale porta su antichi passi che collegavano la costa ligure con la pianura padana. Passo dopo Passo arriviamo ai piedi del Monte Penna, cima venerata dai Liguri Veleiati.

_ Tutte le informazioni sulle tappe e il percorso sono disponibili sul sito: www.altaviaconnessa.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Val di Fiemme, ciaspolata verso il Passo di Colbricon

Lombardia, Orobie con le ciaspole: salita al Rifugio Capanna 2000

Non solo spiagge e mare. Ecco la Campania del trekking