Prato – Da Vaiano a Fabio

18 marzo 2020 - 0:21

Sulla riva sinistra del Bisenzio, in via Arezzo, si prende in direzione di Isola e si raggiunge il paese di Vaiano, lo si oltrepassa in direzione est tramite una salita e si prende in direzione di Sofignano.

Dopo meno di 1 km inizia un breve tratto di sterrato che si trasforma nuovamente in asfalto proseguendo a sinistra; raggiunto il bivio si prende via Docciola e si arriva alla bella Pieve dei Santi Vito e Modesto. Da qui si prosegue sulla strada principale fino ad arrivare in prossimità di un bell’edificio restaurato (Casa Nera) dove inizia il sentierino sterrato che, dopo circa 1 km, si ricongiunge all’asfalto nei pressi della Chiesa dei Santi Andrea e Donato a Savignano.

Oltrepassato il ponticello sul rio La Nosa, si imbocca la carrareccia in salita verso la Calvana.

Dopo circa 1,5 km si raggiunge un falsopiano circondato da un bosco di querce e roverelle; da questo punto panoramico verso i paesi sul versante opposto, si intraprende una breve discesa e, dopo un tratto con fondo più argilloso, si arriva a la Calvana.

Raggiunto successivamente un trivio, si segue il sentiero principale e poi si piega leggermente a destra sul tracciato segnato bianco-rosso che, dopo poche centinaia di metri, porta al quadrivio per Valibona. Giunti al cancello della fattoria didattico-naturalistica “I Biancospini”, si può fare una breve deviazione e giungere a Valibona.

Tornati al cancello della Fattoria, si prende la strada in leggera discesa che porta al bivio per Parmigno. A questo punto si prende la carrareccia a destra e arrivati a un cancello posto per gli animali al pascolo, lo si oltrepassa (avendo cura di richiuderlo) e si arriva al suggestivo borgo abbandonato di Parmigno.
 
Proseguendo in discesa si arriva poi alla chiesa di San Martino a Fabio. Si volta a destra e, dopo alcuni metri di asfalto, si torna su sterrato proseguendo a mezza costa e guadando un piccolo fosso prima di raggiungere in leggera salita Savignano.

Si supera un ponticello, si percorre a ritroso su asfalto via di Savignano fino all’innesto con la strada per Sofignano dove bisogna voltare a sinistra.

Dopo essere passati davanti alla splendida Villa Buonamici a San Gaudenzio, si prosegue per circa 2,5 km, fino all’altezza di via Casanova, dove si riprende la pista ciclabile per tornare al punto di partenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Umbria: trekking lungo la Via del Vino Sagrantino a Montefalco

La Via degli Dei: in cammino tra Bologna e Firenze

Costiera Amalfitana: il Sentiero degli Dei