Speciale Valli delle Chiese

18 marzo 2020 - 9:49

Dal parcheggio di Pozzo cava (circa a 400 metri dalla Diga Bissina) un cartello indica la direzione per la Val di Fumo e conduce direttamente al fianco del Lago di Bissina eliminando così il tratto di strada percorso con l’auto.
L’itinerario vero e proprio viene intrapreso procedendo lungo la stradina sterrata che costeggia la riva sinistra del lago in direzione della Malga Breguzzo.
Il percorso si svincola attraverso ponticelli in legno che permettono di quando in quando di oltrepassare agilmente il fiume Chiese che qui gioca vivace con il suo andamento meandriforme. Nel primo tratto del percorso la vegetazione è caratterizzata dalla presenza dell’ormai raro pino cembro ornato da distese di rododendri che poco oltre, verso il rifugio, lasciano spazio a tappeti di pino mugo.
Giunti al Rifugio:
a) si può proseguire (sempre con il n.240) fino alla Casera delle Levade, vecchia malga della quale non restano che le rovine e da qui val la pena raggiungere la cascata del Chiese con circa 2 ore e 30 di piacevole cammino;
b) con il sentiero n.222 si raggiunge Il Passo delle Vacche (2872m) in circa 2 ore e 30. Qui è presente un bivacco con 6 posti letto;
c) con il sentiero n.248 (è stato da poco cambiato da n. 224 a n.248) si prosegue verso il Passo S.Valentino; svoltando successivamente attraverso il 248 bis (su alcune carte segnato ancora come 249) si esegue un interessante anello che raggiunge, in 3 ore 30 di camminata, la Malga Breguzzo a nord del Lago Bissina. Durante questo percorso si incontrano gli ultimi resti del cosiddetto Baitello (2117m), vecchia malga oramai distrutta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali