Val d’Elsa – Alla ricerca del misterioso Castello

18 marzo 2020 - 0:22

 A San Donato, oltrepassata la fattoria e la piccola chiesa parrocchiale
del borgo, si attraversa la carrozzabile che da San Gimignano scende a
Ranza e Castel S. Gimignano.

Da qui si prende la strada bianca a
sinistra, salendo piacevolmente tra le specie arboree del Poggio del
Comune (predominano cerro, roverella e leccio), associate alla macchia
mediterranea con esemplari come lentisco, erica, mirto e ligustro. Nelle
giornate ventose e assolate non è raro osservare volteggiare la poiana e
il biancone che nidifica nella zona di Castelvecchio.

Dopo circa 1,5 Km
si giunge a Caggio, antico villaggio fortificato costruito a difesa
della strada, oggi riconvertito in agriturismo per vacanze. Si scende a
sinistra, dove incontriamo subito due resti di tombe etrusche, nei
secoli adibite anche a cantine e pollai.

La strada si stringe a sentiero
e scendendo ci porta all’attraversamento del Botro delle Torri, dove si
possono notare i resti del ponte medioevale. Da qui la strada risale
allargandosi verso il crinale; arrivati ad un crocevia si svolta a
sinistra portandoci diretti davanti al possente Cassero con ponte
levatoio, porta di accesso alla città fortificata di Castelvecchio, le
cui vicende storiche furono a lungo legate a quelle di San Gimignano.

Mai espugnato da nessun esercito della nemica Volterra, il borgo
castello ha superato non solo le ingiurie del tempo ma anche il
disinteresse degli uomini. All’interno possiamo visitare la cinta
muraria,  il complesso delle torri,  il fortino,  le abitazioni civili,
il mulino e la Chiesa di San Frediano.

Per rientrare a San Donato si
segue il percorso dell’andata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali