Verso i larici monumentali

18 marzo 2020 - 9:38

Partendo da Malga Frattasecca si percorre la strada militare che conduce a Malga Covel e prosegue per il Rifugio Scoiattolo. Si segue, quindi, il sentiero in quota che taglia la destra orografica della Val de la Mare, in direzione del Rifugio G. Larcheral Cevedale dove si pernotta.

Al mattino presto si riprende l’escursione che costeggia il Lago delle Marmotte, il Lago Lungo e altri specchi d’acqua minori. Si attraversa la vedretta del Careser sino a giungere alla Bocca di Saènt, suggestivo ingresso alla Val di Rabbi, ai laghetti Sternai e poi verso il Rifugio Dorigoni da dove si scende a valle. L’itinerario tocca l’idilliaca Piana di Saènt, regno della marmotta e punto di partenza per il percorso dei Larici Monumentali, e le omonime cascate, le più belle di tutto il Parco Nazionale dello Stelvio.

Settembre 2010

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà