Amazzonia, in cammino per 12 ore nella foresta col padre sulle spalle

Un giovane indigeno ha camminato per 12 ore col padre sulle spalle per farlo vaccinare nell'unico centro medico dell'area. Un percorso attraverso colline, fiumi e la fitta vegetazione della foresta amazzonica

13 gennaio 2022 - 16:41

Un ragazzo di una comunità indigena della foresta amazzonica, di nome Tawy Zoé, ha portato suo padre Wahu Zoé sulle spalle per ben 12 ore di cammino attraverso la foresta per raggiungere un centro vaccinale.

Il ragazzo e l’uomo sono partiti da un villaggio nel mezzo della foresta e hanno marciato per sei ore prima di raggiungere il centro vaccinale di una vicina cittadina.

Qui il dottor Erik Jennings, medico addetto alle somministrazioni, ha inoculato la prima dose del vaccino contro il Covid-19 all’anziano signore.

Dopo la vaccinazione del padre Tawy Zoé  lo ha di nuovo caricato sulla schiena e ha camminato per altre 6 ore fino al suo villaggio.

Secondo la Bbc i due indigeni vivono nello stato di Pará, nel nord del Brasile, in una zona di foresta protetta per il grande valore ecologico dell’ecosistema.

Il dottor Jennings ha spiegato al quotidiano spagnolo El Mundo di aver seguito la vaccinazione di buona parte della popolazione di quell’area, con ottimi risultati.

Infatti in questo inizio di 2022 nella comunità di Zoè non è stato riscontrato nessun caso di Covid-19.

È stato lo stesso medico a pubblicare un post sul proprio profilo Instagram per celebrare quanto accaduto:

“Momento più straordinario del 2021. Tawy Zoé porta suo padre Wahu Zoé a fare il primo vaccino contro il covid-19. Tawy ha portato suo padre per 6 ore all’interno di una foresta con colline, ruscelli e ostacoli fino al nostro centro”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cai entra nell’Unione Internazionale delle associazioni di arrampicata e alpinismo

Valanga sulla Marmolada: una persona coinvolta

Intervista al grande alpinista Hervé Barmasse: “In montagna ci vogliono rispetto e preparazione”