Giornata mondiale dell’ORIENTEERING

19 marzo 2020 - 15:24

Sabato 11 Maggio è la Giornata Mondiale di Orienteering. Questo è il quarto anno dalla sua istituzione ed è una ricorrenza che riguarda scuole e Orienteering club dedicata completamente all’orientamento dei giovani.

Lo sport dei boschi, meglio conosciuto come Orienteering, è una piacevole attività sportiva a contatto con la natura praticabile quasi ovunque e a tutte le età, basta infatti una bussola e la voglia di divertirsi in compagnia, non a caso i maestri scandinavi lo hanno ribattezzato lo sport della famiglia.

Oggi sono sempre di più gli appassionati di outdoor, di tutte le latitudini e di tutte le età, che si dedicano a questa affascinante disciplina, a piedi, in Mtb o con gli sci da fondo.

L’altro aspetto fondamentale è che si tratta di uno sport ad altissimo contenuto interdisciplinare, non a caso per Legge dello Stato, da alcuni anni è materia obbligatoria nel biennio di tutti i Licei Sportivi d’Italia.

Per approfondimenti su questa disciplina suggeriamo la consultazione del sito della FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento)

A questo punto non c’è nulla di meglio che un’immersione a tutto tondo nella natura, magari cercando di risolvere il rebus dei punti indicati su una mappa, come quella che accompagna gli appassionati di orienteering, un’attività outdoor di cui Fabio Storti ci racconta la storia e le “regole del gioco”…

Orienteering: lo sport dei boschi

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Inghilterra: ad ottobre verrà inaugurata una ciclovia di 240 km, tra campagne e scogliere

Bassetti: “Italia paese di ipocriti e burocrati, basta coi divieti senza fondamento scientifico”

Passaporto sanitario: come funziona il pass Covid per viaggiare in Europa