Monte Bianco, sul ghiacciaio con vestiti leggeri: salvato all’alba dai soccorsi

Al momento del recupero dal parte del soccorso alpino, l'uomo si trovava a quota 3100 metri sul Monte Bianco in grave ipotermia e senza abbigliamento e attrezzature adeguate. L'uomo è ricoverato in rianimazione all'ospedale di Aosta e deve essere ancora identificato

3 ottobre 2022 - 8:32

Quando gli uomini del soccorso alpino Valdostano lo hanno raggiunto, nella mattinata del 2 ottobre, il ragazzo di 30 anni aveva una temperatura corporea di 25°C e non aveva con se documenti di identità, ma solo una carta di credito con un nome orientale.

L’uomo era rimasto bloccato sul ghiacciaio di Bionnassay, a quota 3.100 metri, sul massiccio del Monte Bianco e si trovava non distante dal  bivacco Durier a 3.358 metri, in una zona ad alto rischio a causa dei numerosi crepacci.

I soccorritori lo hanno trovato solo e privo di conoscenza e non sono riusciti a capire come abbia raggiunto quell’area della montagna.

Poco prima di perdere conoscenza il trentenne è riuscito a chiamare i soccorsi, lanciando l’sos in inglese, quando si trovava già in condizioni di salute precarie a cause delle basse temperature.

L’allarme era stata lanciato nella serata di sabato 1 ottobre, ma a causa delle difficili condizioni della montagna sul versante italiano, i soccorritori si sono potuti muovere solo nelle prime ore di domenica. L’escursionista è rimasto in contatto telefonico con i soccorsi fino alle 2 e 30 di notte, salvo poi smettere di rispondere al telefono.

Un elicottero è riuscito a raggiungerlo intorno alle 6 del mattino e a riportarlo a valle alle 7 e 30. Il ragazzo, secondo quanto riferito dal soccorso alpino della Valle d’Aosta, era privo di attrezzatura adeguata, non aveva ramponi e imbrago.

L’uomo è stato immediatamente ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Parini di Aosta ed è ancora in gravi condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita. Le autorità dovranno ora identificarlo e ricostruire l’accaduto, cercando di capire sia arrivato in quella zona superando buchi e crepacci.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Oltre 20mila persone morte in Europa per le ondate di calore

A 83 anni Angela, dopo quasi 1000 km a piedi, completa il Cammino di Santiago in solitaria

Lombardia, pericoli outdoor invernale: 3 giorni di formazione con le guide alpine