“Scopri l’Italia che non sapevi”: la campagna di promozione turistica delle Regioni italiane

Nasce il portale viaggio.italia.it e una nuova campagna adv per la valorizzazione dei borghi, del turismo slow e di quello active in Italia. “Scopri l’Italia che non sapevi” è il nuovo progetto di promozione turistica che ha come tematiche centrali i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo

6 luglio 2022 - 14:27

Dopo il lancio ora il progetto entra nel vivo con la nascita del portale viaggio.italia.it , il punto di partenza per scoprire un’Italia inaspettata, che si compone di diverse sezioni quali “i borghi”, “i paesaggi”, “i cammini” e “i sapori”.

Materiale testuale, fotografico e video si trova in ogni sezione per catturare l’attenzione dell’utente, colui potrà programmare ancor meglio il proprio itinerario attraverso “la mappa interattiva”, quello strumento che si appresta a essere di facile fruibilità anche da mobile.

Ma all’interno del sito – online dal 24 giugno – presto ci sarà spazio anche per il “turismo attivo” e per numerose “esperienze” vissute e realizzate in prima persona da digital creator internazionali.

Anche i canali social daranno il proprio contributo per la promozione dei territori.

#viaggioitaliano è l’hasthag e @viaggio.italia.it è invece il nome scelto per le pagine Facebook e Instagram. Tanti contenuti, alcuni inediti, gestiti da una vera e propria redazione creata appositamente.

E infine una playlist con 7 video creati ad hoc, con il materiale fornito da ciascuna regione che ha scelto una delle tre area tematiche come rappresentativa e che si possono ammirare sul canale YouTube di Enit.

Ogni video racchiude il racconto di 3 regioni, attraverso esempi, luoghi e peculiarità specifici, con l’obiettivo di generare awareness sulla “meta Italia”. sui borghi, sul turismo lento e su quello attivo, in tutte le regioni italiane.

Per far conoscere “Scopri l’Italia che non sapevi” è stata realizzata una campagna adv coordinata dalle Regioni insieme alle Agenzie di riferimento – APT Servizi Emilia-Romagna, Sviluppumbria S.p.A., Fondazione Marche Cultura – ideata da Dilemma con la strategia media di The Gate Communication che si sviluppa su mix articolato di mezzi tra web, stampa e radio, on air dal 27 giugno.

La campagna nasce da un insight molto semplice: l’Italia è un paese così ricco di cose eccezionali, che è impossibile conoscerle tutte. Non per uno straniero e nemmeno per noi italiani.

Che si tratti di luoghi, di enogastronomia o di attività, il nostro Paese è infatti tutto da scoprire. Anche per i più esperti.

Non solo i monumenti, le città d’arte e le mete turistiche più famose. Questa campagna vuole promuovere le piccole meraviglie che rendono l’Italia un posto unico.

 

Da qui il concept “Scopri l’Italia che non sapevi”.

Una Call-To-Action con una piccola “licenza poetica” per catturare l’attenzione e sottolineare quanto ogni regione italiana abbia ancora meraviglie sconosciute.

Lo storytelling della campagna è altrettanto immediato: un gancio iniziale con una domanda diretta (“Lo sapevi che…?”) e diversi esempi dell’incredibile offerta turistica italiana.

“Se l’obiettivo era quello di creare awareness sull’Italia dei borghi, del turismo lento e di quello attivo, quale miglior scelta che rendere l’offerta stessa protagonista.” dichiara Alberto Pascazio, direttore creativo di Dilemma.

“L’idea, alla fine, è quella di trasformare la poca notorietà di alcune proposte del turismo italiano da punto di debolezza a punto di forza”.

“Scopri l’Italia che non sapevi” è una strategia di promozione comune delle Regioni Italiane frutto di un accordo di programma tra il Ministero del Turismo e la Commissione Politiche per il Turismo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, in collaborazione con ENIT.

Un progetto che vede il coinvolgimento in qualità di capofila delle Regioni Emilia-Romagna, Umbria e Marche ognuna per la valorizzazione di una tematica specifica, con l’Abruzzo responsabile degli aspetti legati all’interoperabilità e poi la stretta sinergia di tutte quante le altre regioni.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fulmini e temporali in montagna: i consigli del soccorso alpino

Club Alpino Italiano e guide alpine insieme per riqualificare le falesie

Val di Fassa: 11 escursionisti salvati dal soccorso alpino