Unesco: in Italia tre nuove Riserve della Biosfera

18 marzo 2020 - 13:16

La trentesima riunione del MAB-ICC (il Consiglio del Programma internazionale uomo e biosfera), svoltasi nei giorni scorsi in Indonesia, ha decretato l’istituzione in Italia di 3 nuove aree naturali che si possono fregiare del riconoscimento di Riserve della Biosfera dell’Unesco

I nuovi territori, che vanno ad aggiungersi ad una lista che nel nostro Paese conta già 15 Riserve della Biosfera, sono quelli del Ticino Val Grande Verbano, Valle Camonica-Alto SebinoMonte Peglia.

La riserva Mab Ticino Val Grande Verbano rappresenta un ampliamento della riserva Valle del Ticino, istituita già in precedenza a riconoscimento dell’importanza della Valle del Ticino come corridoio biologico attraverso l’area urbanizzata e industrializzata della pianura padana. La riserva estesa comprende una superficie di oltre 300 mila ettari, che interessa i territori di ben 217 comuni fra Lombardia e Piemonte.

La  riserva Valle Camonica-Alto Sebino ha una superficie totale di oltre 130 mila ettari e coinvolge 45 comuni della Lombardia. L’istituzione della riserva Mab riconosce l’eccezionale varietà ambientale di questa area, che, dagli ambienti lacustri prealpini arriva fino alle più alte quote montane del gruppo dell’Adamello, nonché il valore delle culture e tradizioni ancestrali di cui ancora il territorio reca testimonianza.

Il Monte Peglia è la più piccola delle tre nuove riserve (ma non per questo meno importante!) e include 4 comuni della provincia di Terni, in Umbria, con una superficie di oltre 40 mila ettari. La motivazione nell’inserimento della lista Mab è stata individuata nella biodiversità custodita dall’ampia area forestale del Peglia e nelle opportunità che le risorse naturali del territorio offrono allo sviluppo sostenibile delle comunità umane insediate.

“L’istituzione di queste tre nuove riserve rappresenta un riconoscimento internazionale importante per il nostro Paese – ha commentato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – Le aree protette rappresentano il capitale naturale su cui investire, sia in termini sociali, sia in termini di ricerca sia, per quanto possibile, in termini economici legati alla sostenibilità. Il riconoscimento Unesco è un’ulteriore garanzia per la loro conservazione e valorizzazione”.

Itinerari alla scoperta delle nuove Riserve Unesco:

TICINO VAL GRANDE VERBANO

Parco del Ticino: in bici tra i mulini di Oleggio

A piedi lungo il greto del Ticino di Trecate

Verbano, terra di laghi: il Parco dei Lagoni di Mercurago

Verbano, terra di laghi: l’anello del Sacro Monte di Orta

Verbano, terra di laghi: la traversata della Val Grande

VALLE CAMONICA – ALTO SEBINO

Valle Camonica: sulle orme dei Camuni

Valle Camonica, camminare tra le incisioni rupestri

MONTE PEGLIA

Monte Peglia e Selva di Meana

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Terminillo: futuro nero per il turismo bianco

Bando Bike Tourism: selezione idee per il turismo su due ruote

Ambiente: l’importanza di ridurre i rifiuti alimentari