Val d’Orcia, 7 itinerari d’autunno: iscrizioni entro il 30 settembre alla Walking Francigena

Ancora pochi giorni per partecipare alla Walking Francigena: c'è tempo ancora fino al 30 settembre per iscriversi e camminare alla scoperta di Siena, della Val d'Orcia e delle sue meraviglie: con la Walking Francigena Ultramarathon, il 7 ed 8 ottobre, si celebra il viaggio lento e la bellezza della Toscana.

20 settembre 2023 - 12:30

30 settembre: ultimo giorno per iscriversi alla Walking Francigena

Ancora pochi giorni per iscriversi alla Ultramarathon Walking Francigena, l’evento che si terrà nel weekend del 7 e 8 ottobre e dedicato agli appassionati di trekking e cammini.

Si tratta di un vero e proprio un unicum per l’Italia, un “must” del viaggio lento.

La formula, sperimentata con successo negli anni scorsi, rimane immutata: sono 7 gli itinerari tra i quali i camminatori potranno scegliere, in base alla propria preparazione fisica e al tempo a disposizione.

La novità di quest’anno è che cambia il verso delle tratte: Siena, che era fino all’anno scorso punto di partenza della Marathon, diventa meta finale, con partenza, per la tratta più lunga, da Acquapendente.

La parola d’ordine dell’evento è: partecipazione. Per questo sono stati predisposti itinerari adatti a tutti coloro che desiderano partecipare.

La Walking Francigena UltraMarathon accoglie chiunque voglia incrociare il proprio cammino con quello degli altri, con la natura e la storia del territorio.

Non è una gara, il tempo impiegato non è importante.

Quello che conta è la voglia di stare all’aria aperta, nella meraviglia della Val d’Orcia.

L’evento è organizzato grazie alla sinergia tra gli uffici turistici dei Comuni di Acquapendente e Siena, in collaborazione con il Gruppo Trekking Senese e il sostegno degli uffici turistici e sport dei comuni di Monteroni d’Arbia, Buonconvento, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Castiglione d’Orcia, Radicofani, San Casciano dei Bagni, Abbadia San Salvatore e Proceno.

Vediamo nel dettaglio gli itinerari, ricordando che al di là delle distanze, tutti i percorsi condividono la stessa filosofia: fare una camminata non competitiva insieme ad altre persone che condividono la passione del viaggio lento, all’interno di uno scenario di straordinaria bellezza.

Le iscrizioni possono essere online a questa pagina, entro il 30 settembre

1 – Da Acquapendente a Siena, 120 km nella storia e nella bellezza della Val d’Orcia

Si tratta dell’itinerario più lungo, un vero e proprio viaggio lento nel cuore della Val d’Orcia, che include anche un tratto notturno alla luce delle stelle.

Si parte da Acquapendente la mattina di sabato, per affrontare un percorso totale di 121 km.

I camminatori avranno a disposizione un punto di ristoro e di penotto, con partenza la mattina successiva e arrivo a Siena nel pomeriggio.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

 

2 – Da Acquapendente a San Quirico, 65 km sulla Francigena

L’itinerario prevede la partenza da Acquapendente il sabato mattina ed è consigliato a chi abbia una sufficiente preparazione fisica, visto il dislivello in salita complessivo.

Si tratta di un vero viaggio lento nella storia e nella natura della Val d’Orcia, con la visita al borgo di Radicofani.

Si arriva in serata, tra panorami indimenticabili, nello splendido borgo di San Quirico.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

 

3 – Da Acquapendente a Radicofani, 30 km tra panorami e borghi medievali

Anche questo itinerario inizia da Acquapendente, nel mattino del sabato, ma è di media lunghezza, quindi più adatto a chi ha meno tempo a disposizione e soprattutto non è al top della condizione fisica.

Il tragitto si snoda attraverso due distinte fasi: la prima è la variante di Proceno, che conduce fino a Ponte a Rigo, attraversando la pittoresca pianura del fiume Paglia.

 

Da Ponte a Rigo, inizierà una risalita verso Radicofani, attraverso una valle incantevole arricchita da pascoli e affascinanti calanchi.

Si arriva nel pomeriggio nel bellissimo borgo medievale di  Radicofani.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

 

4 – Da San Quirico a Siena, 55 km e due giorni di cammino anche in notturna

Ancora un itinerario medio-lungo che consente a chi non se la senta di percorrere i 120 km dell’itinerario maggiore, di intraprendere un vero viaggio lento nella natura e nella storia della Val d’Orcia, con il piacere unico di avere Siena come meta del cammino.

La peculiarità del cammino è che, come nella 120 km, una porzione di cammino sarà in notturna, alla luce delle torce e delle stelle.

Da San Quirico l’itinerario si inoltra tra i vigneti i suggestivi vigneti del Brunello fino a Buonconvento.

Come nella 120 km, anche qui è previsto ristoro e pernotto a Ponte d’Arbia, da dove la mattina successiva si riparte per giungere a Siena.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

5 – Da Buonconvento a Siena, 33 km tra panorami unici sulle colline senesi

Si parte la domenica mattina da Buonconvento.

Il primo tratto del percorso, che conduce verso Ponte d’Arbia, si snoda lungo un crinale panoramico che si affaccia sulla splendida Val d’Arbia.

Si prosegue su sterrato tra antichi poderi.

 

Attraversata Quinciano, il cammino continua sulle dolci colline della zona di Monteroni, per arrivare alla maestosa Grancia di Cuna.

Da qui, si cammina fino a Siena con meta finale in Piazza del Campo.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

6 – Da Abbadia San Salvatore a San Quirico, un nuovo itinerario di 40 km

Si tratta di una novità per la manifestazione.

Questo percorso, proposto per la prima volta, percorre la variante della Via Francigena che passa da Campiglia d’Orcia e Abbadia.

Lasciando alle spalle Abbadia, il cammino conduce dapprima lungo strade sterrate in direzione del podere Zaccaria, per proseguire fino a Montieri, Campiglia e Bagni San Filippo.

Si giunge a San Quirico dopo il tramonto.

In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

 

7 – Dalla Grancia di Cuna a Siena, 17 km adatti a tutti

Si tratta del più breve tra gli itinerari previsti, pesato specificamente per i meno allenati e per le famiglie con bambini, oppure per chi ha poco a tempo a disposizione.

Il cammino prende il via dalla suggestiva Grancia di Cuna la domenica mattina.

 

Da non perdere lungo il cammino, oltre ai panorami unici, a la Torre dei Pomodori di Ponte a Tressa un alto edificio che si erge come un residuo di un impianto per la liofilizzazione del pomodoro, costruito negli anni ’60 ma mai entrato in funzione.

Si entra a Siena attraverso l’antica Porta Romana per giungere poi a Piazza del Campo.

Questo itinerario, pensato con attenzione per accogliere famiglie, offre l’opportunità di scoprire luoghi affascinanti, godendo di una passeggiata all’aria aperta in un’atmosfera accogliente e suggestiva.

_ In questa pagina il dettaglio del percorso e il GPX

 

Informazioni utili

Il portale ufficiale della manifestazione è ricco di informazioni e suggerimenti 

 

 

 

Foto dell’articolo: Antonio Cinotti

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trekking e teatro: 11 spettacoli camminando sul Sentiero CAI Italia

Zecche: rischi, prevenzione e intervento. I consigli delle Guide Alpine

Monti Sibillini, misure per limitare gli accessi durante le fioriture di Castelluccio di Norcia