Candide Dolomiti con le ciaspole

19 marzo 2020 - 14:30

Il fascino delle Dolomiti, imbiancate di neve fresca, è un richiamo irresistibile per gli amanti dell’escursionismo invernale.

Eleganti e spettacolari, le splendide montagne bellunesi propongono percorsi che si insinuano nell’anima di questi luoghi, circondati da atmosfere d’incanto che appartengono solo all’inverno.

Silenzi ovattati, spazi raggiungibili solo con le racchette da neve, di antica memoria, “galleggiando” leggeri sul manto nevoso. Un’area protetta al margine delle Alpi Sud-orientali, nata per tutelare un’eccezionale varietà di ambienti e zone spesso ancora incontaminate.

Tante le idee per pianificare, grazie anche al supporto delle guide del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, interessanti itinerari sulla neve, come le belle escursioni al Pian d’Avena e in Val Canzoi.

Tra Pedavena e Croce d’Aune, il Pian d’Avena è un rilassante pianoro bianco adatto a facili passeggiate per famiglie con bambini, attorno alle antiche casere spesso abitate solo nella bella stagione.

Lunga e profonda, la Val Canzoi è paesaggisticamente molto spettacolare; dalla diga del Lago de La Stua partono i più classici sentieri per raggiungere la casera Feltre, Alvis, le malghe Erera-Brendol.

La Val Canzoi presenta numerose vallette laterali, piccoli paradisi nascosti per gli amanti della natura; frequentemente si notano le tracce della presenza umana in valle, elemento che conferisce un importante valore storico-culturale all’area.

Abbiamo scelto due itinerari molto diversi tra loro per soddisfare sia gli escursionisti più instancabili, sia chi desidera semplicemente rilassarsi con una bella passeggiata nella natura.

I nostri itinerari:

Dolomiti bellunesi: Erera – Brendol  e i Piani Eterni

Dolomiti bellunesi: il Monte Avena

Testo di Domenico Cacioppo / Foto Archivio Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sicilia magica: la Riserva dello Zingaro

Mongolia: un mondo oltre il nostro mondo

La via Francigena in Toscana: dagli Appennini al mare