10 righe 10 sul Museo delle STATUE STELE

18 marzo 2020 - 8:50

Le statue-stele, innalzate in Lunigiana in un periodo molto lungo che va dalla tarda preistoria alla romanizzazione, sono monumenti di diversa tipologia, alcuni legati a un processo di schematizzazione o astrazione, altri tendenti ad una rappresentazione realistica, ed esprimono una concezione magico-religiosa dell’esistenza.

Sono idoli pagani realizzati dai Liguri-Apuani, alti anche un metro e mezzo, che riproducono in maniera arcaica figure umane che, in base alle armi che impugnano, agli amuleti che indossano, all’evoluzione delle linee somatiche (nelle più antiche la distinzione tra capo e tronco è appena percettibile), sono databili in un periodo storico compreso tra l’Eneolitico e l’avanzata età del Ferro.

Riscontri si trovano in Val d’Aosta, in Val Camonica, in Valtellina, in Alto Adige, in Sardegna, in Puglia, in Svizzera, in Corsica, in Francia, nella Penisola Iberica, in Romania e sulle rive del Mar Caspio: un’area di diffusione molto vasta, nella quale coesistono statue antropomorfe femminili e maschili. L’idolo femminile ricorda la Dea Madre mediterranea, simbolo della vita e della fertilità; quella maschile, spesso contraddistinta dalla rappresentazione delle armi (asce e giavellotti), una divinità protettrice.

Il Museo delle Statue Stele, ospitato nel castello del Piagnaro di Pontremoli, raccoglie una cinquantina di queste figure antropomorfe, effigi di pietra diventate ambasciatrici della Lunigiana nel mondo.

Per maggiori informazioni visitate il sito web

di Enrico Bottino

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dolomiti d’inverno: con le ciaspole tra le montagne incantate

La Via del Sale: un percorso sulla cresta dell’Appennino Ligure

Valle Umbra e Monti Sibillini: itinerari in una delle aree più verdi d’Italia