Sardegna, trekking e treno: in Ogliastra sul meraviglioso Trenino Verde

Un viaggio su uno dei treni più bello del mondo, il Trenino Verde della Sardegna, è anche l'occasione per percorrere itinerari a piedi alla scoperta dell'interno dell'isola: storia, natura e tradizioni per una esperienza indimenticabile

19 settembre 2023 - 10:00

La meraviglia del Trenino Verde in Sardegna

Da Mandas a Arbatax, da Nulvi a Palau, da Macomer a Bosa, da Isili a Sorgono.

Le differenti linee del Trenino Verde si muovono a zig-zag tra i diversi ambienti della Sardegna.

Sfruttano le vecchie linee a scartamento ridotto e, in certi casi, anche mezzi provenienti da un’altra epoca.

Le linee si chiamano così perché hanno una distanza dei binari minore rispetto allo standard, più economica ed agile, ideale per attraversare ambienti impervi come l’entroterra sardo.

Antiche motrici a vapore, convogli con carrozze in legno e addirittura una Fiat 509 del 1929.

Oggi questi mezzi si possono affittare a prezzo modico per compiere in solitaria un viaggio che sa di passato.

Per i più esigenti è possibile addirittura affittare l’intero convoglio d’epoca e fare un viaggio privato lungo alcuni tratti della linea.

 

Originalità e rispetto della natura dunque.

La ricetta magica per un turismo realmente ecosostenibile che non sempre in Italia ha avuto successo.

Qui invece le cose sono andate per il meglio.

La frequentazione sui treni è andata crescendo di anno in anno, e ormai decine di migliaia di visitatori salgono ogni estate sulle carrozze del Trenino Verde.

Queste antiche ferrovie recuperate permettono di vivere quello che gli anglosassoni chiamano Steam Safaris i “safari a vapore”.

Il Trenino Verde della Sardegna si presta ad innumerevoli escursioni lungo i territori attraversati.

L’itinerario: trekking da San Gerolamo ai Tacchi d’Ogliastra

Quello che vi proponiamo è un itinerario sui Tacchi d’Ogliastra, un territorio molto suggestivo formato da una serie di tacchi calcarei mesozoici immersi in una lussureggiante lecceta.

Il percorso parte dalla stazione di San Gerolamo in località Niala, sulla linea Mandas-Arbatax.

Dalla fermata in prossimità del bel ponte detto De S’Irtzioni datato 1894, si seguono le indicazioni per Niala dove è presente anche un punto ristoro molto apprezzato per la cucina tradizionale.

Da qui si scende verso il rio con indicazioni Su Tuvu Nieddu.

In breve si arriva ad un particolarissimo ponte naturale: il torrente ha scavato nel basamento scistoso presente sotto il calcare dei tacchi un tunnel che permette il guado senza problemi.

Attraversando il rio Sa Teula si proseguirebbe verso la foresta di Montarbu, presente in loco cartellonistica e segnavia dell’Ente Foreste Sardegna.

Il nostro percorso invece risale il pendio sulla sinistra orografica attraverso dei gradini scavati nel travertino e segue il corso del rio Donna Pruna.

Il passaggio si snoda tra massi di calcare e colate di travertino, cascatelle e un rigoglioso bosco di leccio.

Si raggiunge così una sterrata che si imbocca verso destra e che in breve ci porta ad un’area attrezzata con un bel ponticello sulle acque turchesi del rio.

Proseguendo sulla sterrata si ritornerebbe al punto di partenza, noi invece continueremo a risalire il corso del rio Donna Pruna che riserva altre sorprese.

Attraverso un sentiero che risale la sinistra orografica, costeggiamo il corso d’acqua sempre impreziosito da sculture di travertino.

Camminiamo tra carpini e tassi fino ad arrivare ad una pozza incastonata tra enormi macigni, dove il sentiero sembra terminare.

Seguendo i segnavia ci si rende invece conto che sulla destra orografica il sentiero si inerpica su facili roccette fino a sormontare uno dei macigni che sbarrano il corso d’acqua.

Un passaggio un po’ esposto sull’orrido, ma con belle prese per mani e piedi, ci permette di riguadagnare il sentiero sulla riva opposta.

Si continua a costeggiare il rio fino ad incrociare una sterrata in prossimità di una copiosa sorgente.

Si prosegue sulla sterrata in salita, verso destra, fino ad un valico.

Siamo sempre dentro la lecceta.

Questa, finita la discesa, lascia spazio a grandi radure dove sorgono dei bivacchi di recente costruzione riproducenti dei vecchi ovili in pietra e legno.

Qui troviamo un cartello indicante Is Tostoinus, dove sorge un altro rifugio.

Sono anche presenti i resti del villaggio nuragico che faceva capo al Nuraghe Adda, situato sull’omonimo tacco.

Da qui costeggiando le pareti a strapiombo del Pizzu Montarbu arriviamo sotto le guglie di Serra Lioni, dove di recente sono state aperte delle belle via d’arrampicata.

Da qui in breve guadato nuovamente il rio Sa Teula, si raggiunge il punto di ristoro.

Informazioni utili

Il sito ufficiale del Trenino Verde è ricco di informazioni su orari, prezzi e itinerari

 

_ Scopri altre idee di viaggio in Italia

 

Seguici sui nostri canali social!
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, 3 itinerari panoramici d’estate sull’Amiata

Le 14 montagne più iconiche della Alpi italiane: dal Monviso alle Cime di Lavaredo

I 6 sentieri vista mare più suggestivi d’Italia: per coniugare trekking e un tuffo in mare