Il sacco a pelo per il campeggio: impariamo ad usarlo

21 luglio 2020 - 13:43

Il sacco a pelo non è il compagno ideale solo per i trekking estivi, quelli che magari prevedono qualche notte da passare sotto le stelle, ma anche nelle “stagioni di mezzo”, in cui magari si passano le notti in rifugio o nelle baite di montagna.

Il sacco a pelo, sebbene serva per dormire, è a tutti gli effetti una attrezzatura tecnica, prodotta con materiali di ultima generazione da alcune delle migliori aziende di prodotti outdoor.

Questo perché è uno strumento essenziale per qualsiasi esperienza outdoor pluri-giornaliera, la sua funzione non è poi molto diversa da quella dell’abbigliamento tecnico che indossiamo in montagna.

Le fibre e l’imbottitura creano delle celle che hanno lo scopo di bloccare delle particelle d’aria che creino un isolamento intorno al nostro corpo per impedire la dispersione del colore verso l’ambiente esterno più freddo.

Non vogliamo perderci troppo nelle spiegazioni sulla struttura e la funzione del sacco a pelo, se dovete ancora comprarne uno leggete questo articolo che abbiamo realizzato proprio per guidarvi nella scelta.

Questo approfondimento invece vuole farvi concentrare su una fase successiva all’acquisto del prodotto, ovvero la sua corretta conservazione e pulizia. Pratiche importanti non solo per farlo durare di più ma anche per mantenerne intatte le performance.

1) Il sacco a pelo è il nostro letto, dobbiamo rispettarlo.

Se tenda è la casa del trekker  il sacco a pelo è il suo letto e come tale va trattato. Non entrare mai nel sacco a pelo con gli abiti sporchi, non usarlo come deposito per vestiti o altre attrezzature.

Spesso la tentazione di usarlo come stuoia o tappeto su cui appoggiarsi, magari durante la cena, è forte. Meglio evitare

Cambiate i vestiti prima di andare a dormire, calze comprese. Potrebbero sembrare accorgimenti eccessivi e non adatti all’avventura, ma un buon sonno in un ambiente pulito è la premessa essenziale per passare una giornata serena e piena di energie.

2) Un ottimo alleato per le emergenze

Lo associamo alla notte e al sonno ma, come abbiamo detto, il sacco a pelo tecnico ha delle ottime doti di isolamento termico.

Durante le vostre escursioni autunnali o invernali se vi trovate a patire il freddo, magari per un repentino cambio climatico, una buona idea per scaldarsi è proprio quella di rintanarsi nel sacco a pelo.

Certo abbiamo detto un secondo fa di prestare attenzione all’abbigliamento quando lo si utilizza, ma tutti i consigli vanno contestualizzati, se sentite il bisogno di rintanarvi al suo interno per evitare l’ipotermia bando alla pulizia.

Ovviamente deve essere sempre a portate di mano quando sprepara lo zaino prima di uscire per mettersi in cammino.

3) Cerchiamo di non fare un “bagno di sudore”

Visto che il sacco a pelo è pensato per garantire un ottimale isolamento all’esterno, non è consigliabile chiudersi completamente al suo interno, meglio tenere fuori almeno la testa e la bocca.

Durante il sonno, attraverso la nostra respirazione, espelliamo aria umida che a lungo andare rischia di creare della fastidiosa condensa.

Nel caso in cui si dorma all’aperto oppure in un ambiente particolarmente freddo meglio optare per un passamontagna o il cappuccio di una felpa, in questo caso si può rimanere al caldo con sacco a pelo asciutto.

4) Anche all’aperto

Il sacco a pelo molti lo utilizzano solo per dormire in rifugio o nella tenda.

Questa attrezzatura però è progettata e realizzata per garantire un totale isolamento dall’ambiente esterno sia dal punto di vista termico che dall’umidità, sempre che si tratti di modelli con fodera esterna idrorepellente.

Quindi è possibile anche dormire all’aperto. Se avete in programma qualche weekend o vacanza in aree più temperate, magari nel sud Italia o in Grecia, potrete ancora godervi delle notti sotto le stelle.

5) Parsimonia con i lavaggi!

Non bisognerebbe mai esagerare con i lavaggi del sacco a pelo, lavato il meno possibile ovviamente però non si dovrebbe arrivare a inficiarne le peculiarità tecniche a cause dello sporco che impregna i tessuti.

Quindi quando lo sporco supera la soglia di attenzione è pero consigliabile provvedere ad un lavaggio delicato del sacco a pelo, onde

Come si lava il sacco a pelo?

Come per ogni capo di abbigliamento o attrezzatura tecnica il lavaggio è sempre un’operazione delicata, per questo le aziende produttrici non tralasciano mai di indicare nelle etichette i processi di pulizia consigliati.

Possiamo dirvi che sicuramente la cosa migliore è il lavaggio a mano dentro una vasca con acqua tiepida, utilizzando i detersivi indicati dentro la vasca con acqua tiepida, senza strofinarlo.

Altrettanto importante è la fase del risciacquo, non devono rimanere tracce di detersivo nel sacco a pelo, utilizzata abbondante acqua. Dopo di che, per asciugarlo, non strizzatelo ma adagiatelo su uno stendino e lasciatelo asciugare gradualmente.

 

Ferrino Lightec Duvet 1000

Un prodotto di grande qualità, facile da trasportare e con ottime rifiniture. All’apparenza potrebbe sembrare fin troppo leggero e magari poco efficace nell’isolamento dall’ambiente esterno, ma i materiali costruttivi di grande qualità garantiscono performance impeccabili.

Perfetto per chi vuole affrontare trekking plurigiornalieri in climi rigidi, infatti questo sacco a pelo è dotato di cupolino para freddo, di termo collare imbottito con sistema “one touch”, per poter controllare facilmente l’apertura del cappuccio. Col prodotto viene venduta anche una sacca per la compressione per facilitarne il trasporto.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

 

Sea to Summit Ascent AcII

I sacchi a pelo sono fondamentali per un trekking di più giorni, per questo è importate che siano performanti ma anche dal peso ridotto.  Ascent AcII è un sacco a pelo confortevole e spaziosi, con tre aperture con cerniera – a tutta lunghezza da un lato, a mezza lunghezza dall’altro, più una fessura attorno alla parte inferiore – per regolare la temperatura.

Pesa poco meno di un chilo (998 gr) ed è dotato di una serie di deflettori verticali e orizzontali che garantiscono ottimo isolamento e protezione dal freddo. L’avanzato sistema di ventilazione consente di dormire comodamente anche con temperature molte più alte.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

 

Mammut Relax Down Bag

Un sacco a pelo perfetto per l’estate, questo prodotto Mammut è adatto per chi ama dormire comodo, infatti la struttura è molto larga e confortevole rispetto ai prodotti della concorrenza.

La versione maschile è classificata per un uso fino a 28 gradi (quella femminile è di quattro gradi più calda) e una cerniera a doppio cursore taglia la parte centrale per una facile regolazione della temperatura. I tappi per le orecchie inclusi e la maschera per il sonno erano lussi piacevoli. 2,1 libbre (uomini) / 2 libbre (donne)

_ Disponibile in offerta su Amazon (modello uomo):

_ Disponibile in offerta su Amazon (modello donna):

 

Marmot Paiju Bag

Questo sacco a pelo è stato progettato per le escursioni negli ambienti più difficili, anche senza tenda, infatti il guscio esterno è impermeabile e idrorepellente.

L’umidità e il freddo non penetrano dentro la struttura, che consente di dormire anche all’esterno della tenda. Ottima anche la resistenza al vento, insomma un ottimo strumento per chi vuole fare un trekking plurigiornaliero senza portarsi dietro la tenda.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

 

Sierra Designs Backcountry Bed 700

Uno dei sacchi a pelo più versatili sul mercato, grazie ai materiali costruttivi di grande qualità, la struttura comoda e spaziosa e il peso contenuto.

Sierra Designs ha progettato questo sacco a pelo eliminando le cerniere, per portare il comfort ai massimi livelli. Questo prodotto ha un innovativo sistema di chiusura che imita la sensazione di un normale piumino.

La sua ampia vestibilità dona grande comodità, ci si può girare senza problemi e stendere comodamente le gambe. Tutto questo però si paga in termini di peso, infatti questo sacco a pelo è un po’ più pesante dei suoi concorrenti, raggiunge i 1200 grammi.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

 

Salewa Spice 8

Lo Spice -8 è un sacco a pelo sintetico studiato per il trekking in ambienti umidi e piovosi. I materiali di costruzione e il guscio esterno garantiscono impermeabilità e isolamento dall’umidità.

L’imbottitura sintetica è costruita con fibre ad alta tecnologia che offrono elevato isolamento e prestazioni di lunga durata. Impermeabile all’umidità (le fibre resistenti all’acqua isolano anche se umide), questo sacco a pelo è adatto per temperature fino a -8 ° C.

Lo Spice -8 ha una cerniera a due vie a tutta lunghezza con patta anticatch compatibile con tutti gli altri nostri sacchi a pelo Salewa degli ultimi 3 anni di produzione.

Questo prodotto ha il cappuccio sagomato, il termocollare e una zip nella zona dei piedi per regolare la temperatura all’intenro. Tutte le coulisse sono facili da usare con una sola mano. Per persone alte fino a 185 cm.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

 

The North Face Gold Kazoo

Questo sacco a pelo è versatile e molto spazioso, progettato per essere utilizzato in ambienti molto diversi, e per temperatura calde e fredde.

Perfetto per i trekking plurigiornalieri primaverili o estivi, ma anche per il clima più rigido dell’autunno, non adatto invece ai freddi invernali per cui sono consigliati materiali studiati ad hoc. Pesa solo 900 grammi e una volta chiuso nel suo involucro l’ingombro è minimo.

_ Disponibile in offerta su Amazon:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’equipaggiamento per un trekking di più giorni

Ramponi: quali sono i migliori per i trekker

Vestirsi a cipolla: tempo di layering