Come pulire le scarpe da trekking: consigli per una corretta manutenzione

Vediamo quali sono gli accorgimenti da prendere per garantire una lunga vita ai propri scarponi da montagna: come lavarli, trattarli e dove riporli quando non si usano.

23 febbraio 2023 - 4:32

Cosa bisogna fare prima di riporre gli scarponi dopo un’escursione?

Dopo ogni trekking è buona prassi ripulire con cura i propri scarponi, lavandoli per togliere il fango dalla tomaia e rimuovendo i sassi incastrati nella suola.

Prima di riporre le calzature occorre accertarsi che siano ben asciutte: per essere sicuri che non ci siano residui di umidità è importante far prendere aria allo scarpone rimuovendo la soletta interna.

Attenzione: non “forzate” mai l’asciugatura utilizzando asciugacapelli o altre sorgenti di calore che potrebbero danneggiare le qualità dello scarpone.

Riporre gli scarponi con i lacci allacciati aiuta la calzatura a mantenere la sua forma corretta.

Le scarpe da trekking sono costruite per affrontare senza problemi sentieri fangosi, questo non significa però che gli scarponi possono rimanere sporchi e infangati anche dopo l’utilizzo.

Per mantenerli in buone condizioni e allungare la loro vita è importante pulirli dopo ogni trekking.

 

Perché non pulire gli scarponi li rovina

Ogni volta che gli scarponi si flettono, particelle di sporco, ghiaia o sabbia penetrano in profondità nella loro pelle e nel tessuto, e durante la camminata fanno frizione come carta vetrata.

Il fango poi assorbe l’umidità dalla pelle durante l’asciugatura, facendola seccare, rendendola meno duttile e facendola invecchiare più velocemente,.

 

Cosa occorre per pulire gli scarponi

Per pulire lo scarpone, come abbiamo anticipato, si può utilizzare una spazzola speciale per scarpe o un vecchio spazzolino da denti

Per pulirli meglio utilizzare detergenti appositamente realizzati per questo scopo, in alternativa si può fare un mix di acqua e sapone per piatti.

Alla pulizia dello scarpone si procede per step successivi: pulizia esterna, pulizia interna e, infine, asciugatura e conservazione

Pulizia esterna dello scarpone

Come prima cosa si tolgono i lacci e si utilizza la spazzola per rimuovere delicatamente polvere e sporco.

Per una pulizia più approfondita, se è presente fango o sporco più consistente, utilizzare acqua corrente e il detergente per scarponi.

Se avete lasciato lo scarpone sporco e umido in cantina, potrebbe comparire della muffa.

Per rimuoverla utilizzare una miscela composta da 80% di acqua e il 20% di aceto. Risciacquare sempre bene gli stivali con acqua pulita.

Non mettere mai gli stivali in lavatrice, questi lavaggi rischiano di danneggiare le membrane e cuciture.

É importante anche rimuovere il fango incrostato dalle suole, per preservarle e ripristinare la piena aderenza.

Una volta che il fango è asciutto, spazzolando la suola con forza si dovrebbe pulire facilmente.

Per lo sporco incrostato si possono immergere le suole nell’acqua per ammorbidire i detriti e poi usare l’acqua corrente per lavare via lo sporco.

L’asciugatura è uno dei momenti più delicati: gli scarponi devono asciugare a temperatura ambiente in un luogo a bassa umidità.

Non usare mai fonti di calore come stufe, caloriferi o camini. L’eccessivo calore indebolisce i materiali adesivi e invecchia prematuramente la pelle.

Per un’asciugatura più rapida si può utilizzare un ventilatore o anche un phon, ma solo con aria fredda.

 

Pulizia interna dello scarpone

Per pulire l’interno della scarpa da trekking bisogna prima estrarre il sottopiede interno, che si può lavare a mano o in lavatrice, e poi procedere al lavaggio e all’asciugatura.

Una volta estratta la soletta, si può facilmente spazzolare l’interno dello scarpone per rimuovere eventuali detriti e incrostature.

Questa operazione si deve fare con delicatezza, per evitare di danneggiare membrane e cuciture.

Per igienizzare l’interno dello scarpone si possono utilizzare appositi prodotti disinfettanti.

 

Dove conservare gli scarponi

É fondamentale conservare gli scarponi in luoghi dove le temperature sono stabili e il clima asciutto.

Le scarpe da trekking non andrebbero mai conservate in soffitte, garage, portabagagli dell’auto o in luoghi umidi, caldi o non ventilati.

Leggi gli altri nostri articoli sull’abbigliamento e le attrezzature tecniche:

 

Seguici sui nostri canali social!
Instagram –  Facebook – Telegram

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scarponi da trekking invernali per la montagna e la neve: come scegliere i migliori modelli

Come scegliere la suola perfetta per le tue scarpe da trekking

I vestiti da bambini per la neve e la montagna: scarpe, giacche e pantaloni per l’outdoor invernale