Non perdersi durante un trekking: 8 app per non smarrire il sentiero

La tecnologia mette oggi a disposizione strumenti che danno una grande mano per la sicurezza: vediamo quali sono le principali app per escursionisti che minimizzano il rischio di perdersi sui sentieri

27 novembre 2023 - 10:00

Come evitare di perdersi sui sentieri: le 8 migliori app

Le informazioni che desideriamo le possiamo reperire in data base specializzati che possono essere implementati dal mondo outdoor touch grazie ad una esperienza utente condivisa.

Lo smartphone utilizzato come GPS consente di tenere traccia delle nostre attività grazie all’upload delle immagini, dei waypoint e delle rotte gpx registrate dalla nostra App.

Queste condivisioni su siti specializzati e alimentati dalla community consentono a tutti noi di scoprire milioni di percorsi legati alla nostra attività outdoor preferita e di pianificare al meglio le nostre escursioni.

Ad esempio, sulla piattaforma Wikiloc s’incontrano milioni di escursionisti e amanti della natura da tutto il mondo per condividere le proprie esperienze e i percorsi outdoor.

1 – Google Maps e Google Earth: un classico, ma davvero utile?

Naturalmente, l’argomento non può essere affrontato senza citare Google, sinonimo di ricerca, grazie al quale si può accedere a qualunque informazione e quindi anche alle mappe.

Due dei suoi principali prodotti, Google Maps e Google Earth, consentono di guardare il Pianeta dal satellite, oppure di farsi un giro in città lungo vie, piazze, giardini pubblici, visitando musei, ristoranti e monumenti comodamente seduti davanti allo schermo del nostro Pc, smartphone o tablet.

L’esperienza utente diventa ancora più coinvolgente grazie a Google Earth: sprofondati sul divano e maneggiando il tablet possiamo avere un’anteprima dei luoghi dove abbiamo intenzione di andare.

Google Earth salva di default in kmz.

Si tratta di un formato non sempre sopportato da programmi e portali di condivisione dei percorsi GPS.

Ad esempio, i punti di riferimento nello spazio fisico possono non essere letti.

Quindi è meglio salvare i Kml (si sceglie l’estensione dal menu a tendina del programma Google Earth) che possono essere condivisi da tutti.

Le mappe di Google evidenziano strade, città, laghi, fiumi, punti d’interesse e altro ancora.

Scarica la App di Google Maps

Scarica la App di Google Maps per iOS

 

2 – Wikiloc: una storia di successo

Wikiloc è diventato un punto di riferimento importante per milioni di appassionati outdoor grazie a 45 diverse attività all’aria aperta disponibili, compreso il trekking!

L’applicativo consente di fare tutto, anche scattare 6 foto e caricarle direttamente sulla piattaforma web per condividerle con gli amici.

Dal Pc potete eseguire anche l’upload di un video da inserire nel vostro percorso insieme alle foto e al tracciato.

La ricerca dei percorsi sul portale è gratuita, il relativo download richiede la registrazione annuale alla piattaforma.

Si possono scaricare i percorsi nel formato GPX (GPS Exchange Format), come traccia Google Earth e per Garmin, sia dal telefono sia dal sito web.

La novità sono le mappe offline che consentono l’utilizzo sul campo senza una connessione dati, inoltre con un piccolo supplemento è possibile utilizzare lo smartphone per guidare l’utente attraverso i percorsi e con allarmi sonori che ti avvertono quando si va fuori pista.

Rispetto ad altri siti internazionali, la forza di Wikiloc è l’incommensurabile indice d’itinerari anche per il nostro Paese; sono in tanti gli italiani che lo utilizzano, a conferma della funzionalità, praticità, gradevolezza grafica di questo sito e alla disponibilità delle relative applicazioni sull’App Store e Google Play, entrambe gratuite e capaci di mostrare una esperienza utente da 10 e lode.

Anche in questo caso per sfruttare l’applicazione al massimo delle sue potenzialità è necessario passare alla versione a pagamento.

Scarica la App di Wikiloc per Android

Scarica la App di Wikiloc per iOS

3 – Alpine Quest, localizzazione in tempo reale

Siete localizzati in tempo reale sulla mappa.

Questo vi basta? Alpine Quest è la app per tutte le attività all’aperto.

Le limitazioni della versione gratuita non spingono al suo utilizzo: a prima vista sembra davvero completa ma le cose che si possono fare con la versione Lite sono davvero poche.

C’è una comoda bussola ma poco altro: non si possono importare, seguire o creare tracce e la navigazione nel menu in lingua italiana è poco chiara.

La selezione delle mappe si riduce a un paio di opzioni, seppure va detto che anche la versione gratuita consente comunque di accedere alle cartine e salvarle localmente così da renderle disponibili all’utente anche in assenza di rete.

La versione Pro mette a disposizione tutto ciò che è necessario, con tantissime statiche da poter analizzare attraverso i grafici interattivi.

AlpineQuest supporta anche le mappe on-board, come MemoryMap.

Scarica la App di AlpineQuest

4 – Outdoor Atlas: semplice ed essenziale

Semplice, estremamente semplice, con funzioni essenziali, anche troppo.

L’ambiente minimalista di quest’applicazione, che non lascia spazio a strumenti che non siano veramente fondamentali, consente un ottimo risparmio di batteria, motivato dalla semplicità di questa App.

Attualmente sono supportate le mappe di OpenStreetMap e OpenCycleMap.

 

Scarica la App di Outdoor Atlas per iOS

5 – Orux Maps, la versatile

Questa app completa e dettagliata ci consente di caricare un tracciato.

Ma anche registrare il nostro percorso e salvarlo nella nostra lista, creare waypoint, allegare foto, audio e video, condividere la propria posizione sui profili social.

Ovviamente le statistiche testuali e grafiche sono complete. Supporta file Kml, Kmz e Gpx.

La visualizzazione cartografica consente un’ottima scelta tra Google, mappe topografiche americane e, soprattutto, di OpenStreeMap.

Se volete caricare i gpx direttamente da smartphone non è un problema.

Altra caratteristica importante di Orux Maps: consente di scaricare le mappe per un utilizzo offline per un apprezzabile risparmio di batteria e dati internet.

Che dire? Un’ottima app! Seppure, come precedentemente scritto, è poco intuitiva e solo per il mondo Android.

Scarica la App di Orux Maps per Android

6 – Locus Map

App davvero valida, forse la più completa tra le versioni free fin qua viste.

Consente di scegliere tra diverse tipologie di cartine, navigabile on line, oppure scaricabili e consultabili off line durante l’escursione (preferibilmente con una rete Wi-Fi, nella versione Lite è consentito il download di soli 5 mb di dati).

L’applicazione può essere personalizzata a seconda delle nostre esigenze.

È interessante anche la possibilità di essere guidati da una voce (procuratevi una buona batteria tampone), utile lungo il sentiero perché non sempre è possibile osservare il monitor di pochi pollici del nostro smartphone.

Fra gli strumenti utili ci sono anche i dati meteo (precipitazioni, temperature, vento e pressione).

L’unico appunto: il bannerino pubblicitario su questa applicazione risulta davvero fastidioso.

Scarica la App di Locus Map per Android

 

7 – Osmand

Musei, chiese, panorami mozzafiato sono all’interno di questa App, il cui nome  deriva dalle mappe OpenStreetMap e sfrutta i dati gratuiti di quest’ultime assieme alle informazioni di wikipedia.

Nella versione gratuita si ha un limite di 7 mappe da scaricare gratuitamente direttamente dalla applicazione.

La forza di questa App sta nella possibilità di avere funzioni aggiuntive che sul GPS per outdoor classico non si possono avere.

Quindi creare waypoints fotografici o video, tracciare il percorso da seguire direttamente sul dispositivo, mappe diverse facili da scaricare, ecc.

Scarica la App di Osmand per Android

Scarica la App di Osmand per iOS

8 – OutdoorActivex, GPS e mappe

Questa App conta milioni di utenti attivi in tutto il mondo.

OutdoorActive mette a disposizione gratuitamente alcune mappe molto dettagliate, che possiamo scaricare sul nostro dispositivo in poco tempo, vista la dimensione ridotta di soli 50 MB per la sola mappa italiana.

Le dimensioni ridotte non devono però ingannare, in quanto le informazioni non mancano anche scendendo nel dettaglio.

Il contenuto a pagamento nella versione Pro è legato all’acquisto delle basi cartografiche aggiuntive di alta qualità (L.A.C., Kompass, GeoGuide, Geo4Map, S.E.R., ecc) rispetto alle mappe open source, tipo OpenStreetMap®, OpenCycleMap, Satellite e Ski Map, che si possono scaricare gratuitamente. Ovviamente le cartine possono essere utilizzate anche in modalità offline!

L’affidabilità della App è dimostrata anche dall’utilizzo che ne fanno nello svolgimento della loro attività più di duecento squadre di soccorso e di ricerca.

Nella schermata iniziale, dopo una velocissima registrazione, si possono scegliere i percorsi in base alla collocazione geografica, lunghezza e difficoltà del percorso.

Scarica la App di OutdoorActive per Android

Scarica la App di OutdoorActive per iOS

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cosa mangiare durante un trekking invernale al freddo e sulla neve: ecco alcuni consigli fondamentali

Ciaspole: 7 consigli che possono salvarti la vita sulla neve

Per ritrovare creatività ed ispirazione inizia a camminare!