Arrampicata a San Martino di Castrozza

18 marzo 2020 - 0:19

Località di partenza

Rifugio Velo della Madonna (m 2358)

Difficoltà

IV grado

Dal Rifugio del Velo si attacca l’omonima ferrata (nr. 739) fin dove questa devia nettamente a sinistra.

Da qui si sale per facili rocce per circa 120 metri fino a raggiungere un comodo terrazzo alla base dello spigolo dove è situato l’attacco della via. Dalla base si sale con modeste difficoltà per 3 lunghezze fino a guadagnare il primo pilastro.

Qui si hanno due possibilità: spostarsi leggermente a destra ed aggirare il pilastro successivo (via originale) oppure proseguire verticalmente e superare una placca che rimonta direttamente il pilastro (variante Zagonel-Steger). Dalla sommità ci si deve poi calare qualche metro e attraversare l’evidente intaglio posto tra i pilastri.

Qui lo spigolo si erge grigio e compatto e con un altro paio di lunghezze si guadagna il pilastro successivo, dove si trova il passaggio più caratteristico della via, la “famosa spaccata”. Superata quest’ultima con due ultime lunghezze si raggiunge la cima. La discesa implica molta attenzione, se pure ben attrezzata presenta tratti esposti da non sottovalutare.

Dalla cima si attraversa la cresta sommitale in direzione est, seguendo chiare tracce sul lato sud, fino ad una spaccatura che con un più difficile passaggio porta al primo anello di calata. Con 3 doppie da 25 metri e brevi arrampicate si raggiunge la forcella tra la cima della Madonna e il Sass Maor. Si scende il canalone SSE fino ad un bivio e si prosegue nel canale di destra fino a raggiungere il salto finale. Con un’ultima breve calata si arriva sui ghiaioni alla base della parete.

Per informazioni:
APT San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi

Tel. 0439.768867

comunicazione@sanmartino.com

progetti@sanmartino.com

www.sanmartino.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali