Dolomiti del Cadore: il Sentiero Giovanni Paolo II

20 maggio 2018 - 16:42

Il sentiero inizia dalla località di Stabiere. Il percorso si addentra in un bosco fitto di abeti e faggi nella tranquillità della valle che porta verso il Passo della Mauria

In località Stabiere si ha una finestra sul Cridola e Miaron di impareggiabile bellezza apprezzata moltissimo anche da Giovanni Paolo II, che qui si soffermò a lungo durante la sua prima vacanza nel 1987.

Il percorso è facile e permette di vedere le cime del Cridola, Miaron, Montanel e all’arrivo presso la palestra di roccia, in Località Croera, consente di abbracciare con un solo sguardo le cime dell’Antelao, del Pelmo e della Civetta.

Il sentiero attraversa poi Ghirlo e Val de Palù, dove numerosi sono gli aneddoti legati al Papa Giovanni Paolo II cui è dedicato il sentiero. A questo punto si può proseguire verso il Passo della Mauria oppure scendere attraverso il sentiero Regina Pacis; entrambi i precorsi conducono alla statale 52 Carnica. Proseguendo per strade boschive parallele si giunge a Lorenzago.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pale di San Martino: le Dolomiti a 360 gradi

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare