La Grande Traversata Elbana: da Poggio a Pomonte

20 aprile 2017 - 19:48

Si parte dalla piazza di Poggio e dopo poche decine di metri si inizia a salire, con il conforto dell’ombra dei castagni, fino al romitorio di San Cerbone (m 531). Lasciato il suggestivo luogo di culto costruito dai benedettini intorno al 1400 si prosegue lungo un agevole sentiero che percorre in falsopiano tutta la Valle di Pedalta per poi inserirsi, dopo avere attraversato una pineta, sul selciato della via Crucis che collega il paese di Marciana al Santuario della Madonna del Monte (m 630).

Lasciato il santuario con i suoi secolari castagni si prosegue verso il Masso dell’Aquila a quota 634, rifugio sottoroccia già abitato nella preistoria, punto panoramico eccezionale dal quale si domina tutta la costa nord dell’Elba, ed in particolare l’abitato e la baia di Sant’Andrea. Andando avanti, camminando sul sentiero che collega Marciana a Pomonte, superata una radura ventosa si inizia a scendere dolcemente fino a raggiungere la piccola sorgente del Bollero ombreggiata dai castagni, per poi risalire fino al Troppolo. Svoltando a sinistra in direzione di Pomonte, un bel sentiero selciato raggiunge la Terra a quota 600, da dove si inizia a vedere la Valle di Pomonte. Si scende nella stessa, fiancheggiati dai terrazzamenti dei vigneti abbandonati quasi completamente, fino a raggiungere il paese di Pomonte, affacciato sul mare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies