La Via Appia in mountainbike

18 marzo 2020 - 9:52

Tra i monumenti toccati dal percorso di questa tappa ricordiamo subito fuori Roma le Catacombe di San Callisto e quelle di San Sebastiano, e quindi il sepolcro di Romolo, figlio di Massenzio, e il circo di Massenzio. Dopo 3 chilometri si giunge alla tomba di Cecilia Metella. A 6 chilometri dalle Mura Aureliane si incontra la grande Villa dei Quintili, detta nell’antichità “Roma Vecchia”, e a circa 8 chilometri si raggiunge il maggior sepolcro dell’Appia, quello di Casal Rotondo. Superato il grande raccordo anulare la Via prosegue tra tumuli e mausolei antichi, fino a congiungersi, in località Frattocchie, con la Via Appia Nuova.
Si sale ora verso Castelgandolfo, Albano e Ariccia. Lasciata la S.S.7 a Genzano, si prende la strada per Lanuvio; lasciato a destra, dopo 3 chilometri, l’incrocio per l’abitato, si prosegue ancora per 2 chilometri circa e al successivo incrocio, al ponte di San Gennaro, si prende a destra per Presciano.
Dopo circa 1 chilometro una strada secondaria si stacca a sinistra e conduce, perfettamente rettilinea, a Cisterna di Latina. Oltre l’abitato, ripresa la S.S. 7, si imbocca il lungo rettifilo di Terracina raggiungendo, dopo 14 chilometri, Tor Tre Ponti, ove sono due pietre miliari. A fine tappa si può pernottare presso l’azienda agrituristica Pegaso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà