Leccio, il legno di Cristo: il bosco della Mesola

18 marzo 2020 - 0:20

Descrizione: il percorso prende avvio dal cancello di ingresso del Boscone e si sviluppa lungo un ampio tracciato che attraversa la riserva. Poco dopo l’avvio sulla destra è possibile individuare un’altra strada forestale che conduce alla zona Sud del bosco, ma che è percorribile solo se accompagnati e in determinate e limitate giornate festive.

Stando invece sull’ampio sentiero principale si percorre un bell’anello che riconduce poi, dallo Scolo del Bassone, all’inizio del percorso. Il tracciato, privo di qualsiasi difficoltà, regala all’escursionista la dovuta tranquillità per godersi il variegato spettacolo che si presenta di fronte a lui. Seppur l’altezza massima non raggiunga i 10 metri, i lecci fanno da padroni nello scenario, alternati a querce, tamerici e a esemplari delle specie mediterranee.

Il bosco della Mesola è popolato da numerosi animali che i trekker più fortunati potranno ammirare nel loro meraviglioso contesto naturale. Qui, infatti, vivono un centinaio di cervi, superstiti degli antichi esemplari che un tempo popolavano la pianura padana, affiancati da daini, puzzole, lepri, tassi, donnole, gufi e civette. Per informazioni: Corpo Forestale dello Stato – Tel. 0544.437379 utb.puntamarina@corpoforestale.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà