Animali in difficoltà, cosa fare e cosa no: i consigli di Carabinieri e WWF

Come ci si deve comportare quando s'incontra, durante un trekking o anche in città, un animale ferito o in difficoltà? I Carabinieri Forestali e il WWF ci spiegano cosa fare e cosa non fare, avvertendo che a volte un intervento di mani non esperte può essere pericoloso per la salute dell'animale, anche se fatto in buona fede.

9 giugno 2022 - 12:51

Animali selvatici in difficoltà: cosa fare e cosa no

Accade sempre più spesso, durante un trekking o anche in certe aree urbane, di imbattersi in animali selvatici.

Nella gran parte dei casi si tratta di un buon segno. Le politiche ambientaliste degli ultimi anni hanno cominciato evidentemente a dare dei frutti.

Tuttavia l’incontro con la fauna selvatica non sempre è facile da gestire. Ad esempio, l’animale può sembrare ferito o abbandonato, ma non è sempre così.

In alcuni casi, intervenire perché si è preoccupati della sorte dell’animale può essere addirittura dannoso per l’animale stesso.

La prima cosa che si dovrebbe fare quindi è capire se l’intervento sia necessario o se è invece meglio lasciare l’animale dov’è, magari osservandolo da lontano.

Ma come sapere cosa si deve fare e cosa no?

Ecco i consigli dei Carabinieri Forestali e del WWF Abruzzo, che hanno cercato di fare chiarezza sull’argomento.

 

I consigli di Carabinieri Forestali e WWF

In primo luogo Carabinieri Forestali e Wwf ricordano che la fauna selvatica è protetta e che ne è vietata la detenzione.

Il recupero deve essere finalizzato esclusivamente al ritorno alla vita in natura ed è per questo sempre meglio contattare le autorità locali prima di improvvisare un intervento.

Quando ci si imbatte in un animale selvatico che appare ferito o in difficoltà bisogna evitare di avvicinarsi subito.

Meglio restare a debita distanza e osservare la situazione da lontano per capire se ci sono effettivamente difficoltà e per valutare se e come intervenire.

Si dovrebbe intervenire solo quando gli animali sono feriti, sanguinanti, tremanti, particolarmente deboli o, nel caso degli uccelli, con ali rotte.

Oppure che siano esposti a pericoli evidenti come, ad esempio, il traffico veicolare o l’eccessiva frequentazione di una zona.

Uccelli selvatici: piumati o non piumati?

Capita spesso di incontrare giovani uccelli.

Nel caso dei nidiacei, solo parzialmente impiumati, la cosa migliore è trovare il nido, che non dovrebbe essere troppo lontano, e riporlo lì.

Se il nido non si dovesse trovare, fornirne uno alternativo con una scatola senza coperchio o un cestino, da sistemare sull’albero più vicino.

Se invece l’uccello ha già le piume, cammina a terra e saltella, ha gli occhi aperti e non presenta ferite, non bisogna toccarlo.

Il piccolo sta provando a rendersi indipendente e i genitori sono probabilmente nei dintorni.

Solo se ci fossero situazioni di pericolo come la presenza di cani e gatti o se l’animale fosse in mezzo a una strada o su un marciapiede trafficato, si può valutare lo spostamento in una zona più sicura nelle immediate vicinanze.

Una siepe o il ramo di un albero vanno benissimo. In entrambi i casi si può poi aspettare, a distanza, l’arrivo dei genitori.

Soltanto se non dovessero tornare, l’uccello va soccorso e portato in un centro di recupero utilizzando una scatola con dei fori.

Particolare è invece il caso di rondini e rondoni che se avvistati a terra sono in genere in difficoltà e vanno comunque recuperati.

 

Piccoli di mammiferi: mai toccarli

I piccoli di mammiferi non vanno mai neppure toccati, anche se apparentemente soli o indifesi.

Basta infatti un contatto anche minimo per imprimere l’odore dell’uomo e rischiare che la madre, quasi sempre nei paraggi, non gli si avvicini più.

Questo significa condannare gli animali che crediamo di soccorrere a una vita in cattività.

Si tratta di un rischio che corrono in particolare i cuccioli di cervo e capriolo spesso nascosti nell’erba alta, protetti dal loro mantello mimetico, in attesa che la madre torni ad allattarli.

Bisogna lasciare il piccolo dove è stato trovato, allontanarsi in silenzio, non disturbarlo e non costringerlo a cambiare posizione.

Altrimenti potremmo mettere a rischio la sua sopravvivenza e impedire alla madre di ritrovarlo.

Se l’animale ci sembra ferito o in difficoltà o ancora se abbiamo la certezza che la madre non possa più occuparsene, è comunque meglio contattare telefonicamente un centro di recupero per ricevere informazioni e consigli.

Improvvisare un intervento, anche in buona fede, potrebbe essere deleterio.

In tutti i casi dubbi, meglio rivolgersi ad un Centro Recupero Animali Selvatici.

 

Informazioni Utili

L’elenco dei Centri di Recupero degli Animali Selvatici

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Presolana Race: weekend in Valseriana per appassionati di MTB ed eBike

Piemonte, Parco Nazionale Val Grande: il calendario delle escursioni guidate

Friuli Venezia Giulia estate 2022: guida completa agli eventi outdoor