Con Aspromontewild alla scoperta della Calabria

18 marzo 2020 - 11:46

Demi e gli amici del laboratorio Aspromontewild, propongono interessanti appuntamenti outdoor.

Si parte il 21 giugno, con il trekking sul Crinale degli Dei.

Un anello di media difficoltà della durata di circa sei ore che si svolgerà lungo il grande crinale definito degli Dei per la vista che offre, il quale separa due importanti fiumare dell’Aspromonte: la fiumara Laverde e la valle infernale con il torrente Butramo.

L’escursione terminerà con la visita presso l’ovile del Pastore per degustare i prodotti tipici della località quali vino salumi e formaggi. Il 5 luglio sarà la volta del Tour delle Cascate dell’Amendolea. Un’escursione giornaliera scarponi e costume, di circa cinque ore, tra le più belle di sempre, alla ricerca delle cascate più spettacolari dell’Aspromonte con la possibilità di un bagno rigenerante in queste dolci acque, al ritorno pranzo presso il rifugio utilizzato dal pastore a base di ricotta e formaggio.

Il 19 luglio anello di difficoltà media alla volta delle Gole della Fiumara Laverde, pranzo al sacco, ingresso alle gole e visita al centro recupero tartarughe di Brancaleone.

Si arriva al mese di agosto con il Tour delle cascate Palmarello Forgiarelle il giorno due. Sei ore di escursione verso il più famoso dei tour delle cascate di AspromonteWild nella stupenda riserva del Parco Nazionale D’Aspromonte, ad oltre 1500 metri d’altezza.

Il programma termina con i botti, infatti nei giorni 7, 8 e 9 agosto appuntamento con la Velatrekking alle isole Eolie. Partenza Venerdì mattina alla volta di Porto Rosa (MS), il programma prevede la visita ad Alicudi, l’arrampicata, per chi lo desidera, sulla canna di Filicudi e l’escursione sull’isola di Salina, cena e pernottamento a bordo per tutti i giorni. Il rientro è previsto per la domenica sera a Portorosa. Un weekend unico all’insegna del mare, della montagna, delle camminate, dello sport e del buon cibo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Abruzzo: proposta la riduzione della superficie del Parco Sirente Velino

La condanna dell’orso: convivere con i grandi predatori

È tempo di riprogettare l’economia della montagna