Autocertificazione Covid Pasqua: quando serve in zona rossa e arancione

L'Italia è di nuovo divisa, per Pasqua, in zone rosse, arancioni e arancioni scuro, a causa del Covid. Torna l'autocertificazione: vediamo quando serve e come si compila.

22 marzo 2021 - 10:33

Il modulo dell’autodichiarazione

Si torna all’autocertificazione Covid.

Il recente decreto approvato dal Governo Draghi ha inasprito le restrizioni previste per Pasqua, distinguendo di fatto solo zone rosse e arancioni, come potete leggere nel dettaglio in questa breve guida alle restrizioni.

Torna quindi di moda in buona parte delle regioni l’autocertificazione o autodichiarazione, il documento che dobbiamo compilare e mostrare a richiesta alle forze dell’ordine.

Vediamo in quali casi l’autocertificazione è necessaria e come va compilata.

Ricordiamo che l’autocertificazione, che potete scaricare qui, va stampata e portata con sé.

Non è quindi sufficiente mostrarne una copia digitale.

Tuttavia, in caso di impossibilità a stampare, l’operatore di polizia provvederà a fornire un modulo da compilare e firmare.

Quando serve: Zona Arancione

In generale l’autodichiarazione va compilata per ogni spostamento che non sia consentito.

Quindi, in zona arancione, l’autocertificazione è sempre necessaria quando si esce dal proprio Comune di residenza.

 

Quando serve: Zona Arancione Scuro

Alcune Regioni hanno adottato provvedimenti più restrittivi, per i quali si parla di arancione scuro.

In questi casi l’autocertificazione Covid è necessaria:

1 . Per recarsi nelle case private di amici e parenti se sono abitate
2. Per spostarsi nella propria seconda casa, a meno che la Regione dove si trova la casa non abbia disposto un divieto assoluto
3. Per andare a fare acquisti in più di una persona

 

Quando serve: Zona Rossa

L’autodichiarazione Covid in zona rossa è necessaria ogni volta che si esce di casa, anche all’interno del proprio Comune. Quindi occorre portarla con sé:

1. Quando si esce per comprovate esigenze, essenzialmente per andare a lavorare o per ragioni di salute, come nel caso di una visita medica o odontoiatrica.

2. Quando ci si sposta nella seconda casa, indipendentemente dal numero di persone, sempre che la Regione dove si trova la casa non abbia disposto un divieto assoluto.

 

Come si compila l’autocertificazione Covid

Occorre compilare tutti i campi previsti nel modulo.

Si deve indicare l’indirizzo da cui inizia lo spostamento e quello in cui finisce.

Ricordiamo che occorre un modulo per ogni spostamento.

Ad esempio, chi va a fare una visita odontoiatrica dovrà compilare due autocertificazioni, una per andare e una per tornare.

Barrare il box scegliendo la situazione di necessità.

Nello spazio indicato come “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio ” specificare i motivi diversi che giustificano lo spostamento.

 

L’autocertificazione durante il coprifuoco dalle 22 alle 5

Su tutto il territorio italiano, indipendentemente dal colore della Regione, anche nel caso di zone bianche, durante il coprifuoco dalle 22 alle 5 occorre avere con sé l’autocertificazione per ogni spostamento, come in zona rossa.

 

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Camminare nel Medioevo: arrivano le pietre segnavia per la Via Matildica del Volto Santo

Climb and Clean: dieci giorni per ripulire la montagna da nord a sud

Emergenza, le nuove misure: da fine mese parte il calendario delle riaperture