Nepal: gli effetti del lockdown sull’Everest

27 aprile 2020 - 13:59

L’Everest avrà il tempo di “disintossicarsi” grazie al blocco delle spedizioni, ma un milione di persone potrebbero subire perdite economiche

La popolazione del Nepal vive in condizioni di povertà e fragilità, il sistema sanitario non sarebbe in grado di affrontare un’ondata di contagi da Coronavirus, per questo la strada più sicura è stata chiudere immediatamente le frontiere ai turisti e ai viaggiatori.

Per la seconda volta in cinque anni, le pendici innevate dell’Everest rimarranno vuote e silenziose. L’11 marzo la Cina ha sospeso tutte le spedizioni dal lato tibetano a causa della pandemia di Coronavirus .

Il vicino Nepal ha appoggiato la decisione e ha seguito l’esempio, sospendendo la stagione turistica sul suo lato della montagna. Per la seconda volta, dopo i devastanti terremoti del 2015 che hanno colpito la regione, nessun essere umano raggiungerà il picco più alto del mondo in questa stagione.

Covid-19 ha avuto un enorme impatto economico in tutto il mondo del turismo. In Nepal il turismo outdoor è la spina dorsale dell’economia e queste chiusure avranno impatto su circa un milione di persone che lavorano in questo settore. Non solo le guide alpine e gli sherpa, ma anche tutto l’indotto fatto di negozi, ristoranti, trasporti, hotel, case da tè, B&B e altre attività legate al turismo.

Il trekking e l’alpinismo sono attività emozionanti, ma in Nepal sono anche un mezzo di sostentamento per le popolazioni locali, l’Everest ha creato una vera e propria “industria” che impiega migliaia di persone.

Per avere un’idea del giro d’affari, nel 2019 il comparto del turismo del Nepal ha generato 240 miliardi di rupie nepalesi (circa 1,5 miliardi di Euro)

Impatto sul turismo su piccola scala

Nel 2019 ci sono stati diversi incidenti dovuti al sovraffollamento delle vie di salita verso l’Everest, il 2020 sarà forse la stagione in cui il santo Chomolungma – così i tibetani chiamano la loro montagna – si prenderà un meritato riposo dalle centinaia di spedizioni che sovraffollano le salite in vitte e inondano si spazzatura i campi base.

Gli operatori hanno accettato la decisione del governo di sospendere la stagione. Serku Sherpa, una guida alpina e di trekking di Kathmandu, ha espresso il suo sostegno alla decisione del Governo: “Vorrei ringraziare il governo del Nepal per aver deciso di sospendere la concessione di permessi di arrampicata in questa situazione critica. Allo stesso tempo, vorrei ringraziare quelle persone che hanno deciso di annullare immediatamente le loro spedizioni“.

Jane Markova, una guida turistica russa che accompagna i gruppi di turisti a fare trekking nella regione dell’Everest due volte all’anno, ha ammesso, nonostante abbia perso parte dei guadagni di questa stagione, che l’ambiente dell’Everest è ormai troppo sofferente, ci sono troppe persone ogni anno che salgono verso il campo base o la vetta, un periodo di ” disintossicazione” potrebbe essere utile.

Dopo i numerosi incidenti della scorsa stagione il governo nepalese ha mutato le norme che disciplinano la concessione di permessi per salire sull’Everest. Ora gli alpinisti devono dimostrare di possedere un’esperienza alpinistica d’alta quota e fornire prove di sufficiente allenamento e di buona salute.

Le agenzie di viaggio ammesse dal Governo ad operare nella zona ora devono avere almeno tre anni di esperienza nell’organizzazione di spedizioni e solo i cittadini nepalesi possono essere guide e accompagnatori in quota.

Questa pausa forzata può essere utile al Nepal per studiare altri cambiamenti utili a migliorare la gestione del turismo, sono necessarie nuove regole e politiche per l’Everest, che siano sostenibili per l’ambiente, per le comunità nepalesi e per i turisti.

Gli sherpa e le guide turistiche potrebbero essere utilizzati per progetti di miglioramento delle infrastrutture come la costruzione di strade e strutture pubbliche di smaltimento dei rifiuti e servizi igienici che andrebbero a beneficio della popolazione locale.

Gli operatori del turismo di montagna potrebbero mobilitarsi per rimuovere le enormi quantità di immondizia prodotte dalle spedizioni e che lasciano i pendii e i campi base disseminati di rifiuti.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Terminillo: futuro nero per il turismo bianco

Bando Bike Tourism: selezione idee per il turismo su due ruote

Ambiente: l’importanza di ridurre i rifiuti alimentari