Friuli Venezia Giulia estate 2022: guida completa agli eventi outdoor

Il Friuli Venezia Giulia offre un'estate imperdibile per gli appassionati di attività outdoor: dal trekking al forest bathing passando per il biking e il climbing, ecco il calendario completo delle escursioni e delle attività alla scoperta della natura, della cultura e delle tradizioni di un territorio incontaminato.

27 giugno 2022 - 10:24

Si preannuncia un’estate piena di appuntamenti outdoor in Friuli Venezia Giulia.

Un’occasione da non perdere per chi vuole esplorare un territorio unico tra le montagne e il mare e conoscerne tradizioni, la cucina, l’artigianato e naturalmente camminare lungo i sentieri di trekking con vista su alcune tra la più belle montagne del mondo.

Trekking e Outdoor per tutti in Friuli Venezia Giulia: un calendario ricco eventi

Il calendario delle escursioni guidate per l’estate 2022 è ricchissimo. Sono previsti itinerari per tutti i livelli di difficoltà, per trekker esperti, ma anche rilassanti gite per famiglie.

Inoltre sarà possibile esplorare le montagne friulane non solo a piedi, ma anche in bici, a cavallo e perché no, con l’accompagnamento degli infaticabili asini.

Gli appuntamenti di Luglio

Si camminerà a Sappada con la guida naturalistica Franco Polo che illustrerà tutti i segreti di una incredibile palude a 1600 metri di altitudine.

Nell’anello del Bosco Avanza si andrà ai confini della Carnia per conoscere la vita di fatica delle popolazioni nel secolo scorso, dalle miniere alla guerra.

Con l’escursione al tramonto al monte Stella si godrà invece di panorami magnifici sulla pianura friulana e sulle valli del Torre mentre al rientro, accesa la torcia, accenderemo anche le orecchie per ascoltare il bosco che si sveglia nella frescura del crepuscolo.

Non possono mancare all’appello naturalmente le Dolomiti friulane e sarà possibile esplorarne la bellezza millenaria nel modo migliore: un trekking di 4 giorni, dal 12 al 16 luglio, che segue l’itinerario noto come anello delle Dolomiti.

Le pareti delle montagne friulane sono vere e proprie palestre di arrampicata ed ecco che nel programma è previsto anche un corso di climbing di 3 giorni dal 20 al 22 luglio, ad Ampezzo.

Non è richiesta nessuna esperienza e possono iscriversi anche i bambini che abbiano compiuto i 12 anni.

Fino al 22 luglio sarà possibile partecipare ad una delle escursioni dedicate alla alla scoperta del comportamento e il linguaggio delle marmotte.

Una guida naturalistica illustrerà tutti i segreti di questo simpatico, estroso roditore, tra prati, valli e ricordi della prima guerra mondiale, camminando alle Sorgenti del Piave per il passo dell’Oregone.

Arta Terme e Tolmezzo saranno invece i luoghi dove provare l’esperienza rilassante del nature bathing, attività di camminata consapevole, movimento corporeo e rilassamento in un ambiente magico, per coccolare mente e corpo.

 

Per gli appassionati dell’universo sotterraneo da non perdere invece l’esplorazione alla Grotta di Timau.

Un ambiente scavato dall’acqua che racconta la storia geologica di rocce formatesi 400 milioni di anni fa.

È un ambiente ampio e agevole per la quasi totalità del percorso che possiamo visitare, con ausilio di caschetto e luci frontali necessarie per la progressione.

 

Gli appuntamenti di Agosto

Il 7 agosto si andrà alla scoperta del Parco delle Dolomiti Friulane e delle sue vie d’acqua, a partire da Forni di Sopra.

Il 9 agosto sarà la volta del forest bathing e della camminata consapevole ad Ampezzo. Attraverso questa attività si beneficia pienamente dell’effetto calmante della natura e dei suoi effetti sul sistema immunitario. Una prevenzione naturale per stare meglio e acquisire nuova consapevolezza.

A Sauris sarà invece possibile partecipare a speciali rituali tibetani, compiendo esercizi di attivazione energetica e flessibilità.

Il 10 agosto, la notte delle stelle cadenti, non può naturalmente mancare un trekking notturno-astronomico alla scoperta del cielo nitido del Parco delle Dolomiti Friulane, lontano dall’inquinamento luminoso delle città.

Gli appassionati di E-bike potranno partecipare ad un itinerario pensato per gli appassionati sia a luglio, il 16 e il 30, che ad agosto, il 4 e il 12 del mese.

Per gli appassionati di alpinismo, da non perdere l’esperienza della Ferrata Sartor al Monte Peralba il 13 agosto, oppure il 20 agosto alla Ferrata Cai Portogruaro Monte Chaidenis, sempre con la guida alpina Alex Corrò.

La via ferrata si presta benissimo a tutti coloro che, già appassionati di escursionismo in montagna, vogliono mettersi alla prova con percorsi più impegnativi ed emozionanti. Il materiale necessario verrà fornito dalla guida alpina.

Per gli appassionati di torrentismo il 18 agosto è prevista l’esplorazione della suggestiva forra del Torrente Rassie, con accompagnamento di guida alpina.

Gli appuntamenti di Settembre

Segnaliamo infine alcuni degli appuntamenti di settembre: ancora climbing sulle pareti dolomitiche, Forest Bathing, Mountain Yoga, camminate con l’accompagnamento degli asini, trekking a cavallo, escursioni in mountain bike.

A proposito di mountain bike: il Monte Zoncolan, con le pendenze che sfiorano il 20% e i tornati stretti rappresenta un paradiso per gli amanti delle due ruote.

Dalla vetta, che si può raggiungere anche a bordo della funifor con la bici da Ravascletto, si snodano diversi percorsi su sterrato per mountain bike ed e-bike.

Oltre agli eventi he vi abbiamo segnalato per tutto il periodo dell’iniziativa sono previsti, oltre agli itinerari naturalistici, molte altre iniziative: laboratori per bambini e ragazzi, corsi di avvicinamento alla pesca sportiva, fattorie didattiche, gite in carrozza, corsi di pittura creativa.

Ce n’è davvero per tutti i gusti: in fondo all’articolo troverete il link al programma completo con la descrizione di ogni evento.

 

E per gli appassionati di musica: Carnia, rotte musicali

Per gli appassionati di musica, oltreché di trekking, un appuntamento da non perdere.

Una rassegna di 15 date tra laboratori e visite guidate ad alcune delle più rappresentative realtà legate al mondo della musica, per mettere in luce questa forma d’arte e artigianato.

A Tolmezzo si potrà scoprire la magia di un’arte tecnica rimasta immutata nel tempo. A Prato Carnio si visiterà il laboratorio che si occupa di restauro di cembali, i primi al mondo con certificazione forestale Pefc.

Al museo La Mozartina di Paularo sarà possibile ascoltare e provare strumenti d’epoca dal valore inestimabile.

 

Estate 2022: 5 itinerari per scoprire la Carnia tra natura, musica, arte e cultura

Venti appuntamenti lungo cinque itinerari per scoprire la Carnia più autentica.

Guide che conoscono perfettamente il territorio ne sveleranno i segreti e la storia tra borghi, natura, archeologia, storia, artigianato, degustazioni e tradizioni.

La proposta di Promo Turismo FVG, in collaborazione con alcune reti e operatori del territorio, ha preso il via l’11 giugno e durerà fino a ottobre.

Un minibus collegherà le iniziative alla scoperta di questa incontaminata area alpina del Friuli Venezia Giulia.

Cinque percorsi alla scoperta delle Alpi Friulane

 

1) Le Valli della Carnia attorno al Monte Zoncolan

Alla scoperta delle bellezze paesaggistiche e culturali delle valli attorno al mitico Kaiser Zoncolan

In programma: 1 luglio, 10 agosto, 3 settembre, 8 ottobre

Andremo alla scoperta delle vallate che abbracciano uno dei monti simbolo della Carnia, lo Zoncolan. Immersi nella vegetazione delle Alpi Carniche, si andrà a conoscere la storia di alcuni dei borghi più rappresentativi della Val Degano.

Si fa tappa a Cercivento alla scoperta dei suoi affreschi e mosaici a cielo aperto e a Raveo, con una degustazione delle sue produzioni locali.

 

2) Da Sappada al cospetto delle Dolomiti alla Valle del Tempo

Un’immersione nella cultura e nelle tradizioni di Sappada e nella genuinità e la natura della Valle del Tempo e Pesariis

In programma: 8 luglio, 5 agosto, 19 agosto, 17 settembre

Un viaggio nella natura e nella storia. Si parte da Sappada, he conserva le antiche tradizioni architettoniche, artigianali e gastronomiche, con tappa al centro etnografico.

La meta finale è la cosiddetta Valle del Tempo, la Val Pesarina e Pesariis, il paese degli orologi.

Una delle località più affascinanti della Carnia, senza scordare Osais, in cui ammirare gli affreschi del 1500 custoditi all’interno della chiesetta di San Leonardo.

 

3) La Val Tagliamento e le Dolomiti Friulane

Itinerario dedicato al pittore di Gianfrancesco da Tolmezzo nella Val Tagliamento e al fascino naturalistico delle Dolomiti friulane a Forni di Sopra

In programma: 18 giugno, 29 luglio, 26 agosto, 24 settembre

Si va alla scoperta di  Socchieve, paese d’origine del pittore quattrocentesco, del quale sono conservate visibili il ciclo di affreschi e la pala d’altare all’interno della chiesetta di San Martino.

A Forni di Sopra la giornata si conclude con un aperitivo sulla terrazza panoramica assaggiando la birra artigianale e prodotti tipici e genuini che questa località incorniciata dalle Dolomiti friulane.

 

4) Le vallate della Carnia, da Paularo a Sutrio e Cercivento

Un viaggio tra musica e spiritualità 

In programma: 25 giugno, 22 luglio, 17 agosto, 1 ottobre

Un itinerario alla scoperta di tre angoli nascosti e magici della Carnia: Paularo in Val d’Incarojo, Sutrio e Cercivento nella Valle del But.

Si risalirà la Val d’Incarojo fino a Paularo, con una visita della “Mozartina”, una preziosa raccolta di strumenti musicali a tastiera.

Daniel, l’allievo del maestro Canciani accompagna i visitatori facendo ascoltare il suono della ricca collezione di strumenti.

L’itinerario si conclude con una passeggiata nel centro storico per ammirare i bellissimi palazzi rinascimentali tra cui Palazzo Calice Screm.

 

5) Nel cuore della Carnia tra arte, archeologia e tradizioni

Un itinerario alla scoperta dell’antico centro romano Iulium Carnicum, dell’altipiano di Verzegnis e i suoi frutteti e di Invillino

In programma: 11 giugno, il 15 luglio, 12 agosto, 10 settembre

Ancora storia e natura per il quinto itinerario: Iulium Carnicum, antico centro romano, è la tappa di partenza di un percorso che porterà sull’altipiano di Verzegnis a scoprire e ammirare i suoi frutteti.

Si visiterà poi Invillino, antico centro paleocristiano sul fiume Tagliamento, e alcune delle realtà artigianali più rappresentative del territorio della Carnia, ancora particolarmente legato alle tradizioni.

 

Informazioni utili

Escursioni, trekking e attività outdoor

L’intero programma delle escursioni con descrizione si trova in questa paginaSi può navigare tra le proposte anche con il supporto di una mappa interattiva del territorio.

In questa pagina si possono trovare tutte le informazioni sullo Zoncolan, la montagna dei biker

Per gli appassionati di strumenti musicali, qui tutte le info sul programma di Carnia, Rotte Musicali

Cinque percorsi alla scoperta della Carnia

Gli itinerari, a seconda della tipologia, hanno partenze differenziate da Arta Terme, Tolmezzo, Ovaro, Sutrio, Villa Santina ed è necessaria la prenotazione.

Il costo di partecipazione per l’intera giornata, dalle 9 alle 18 circa, è di 60 euro.

Include la presenza e l’accompagnamento da parte di una guida, il trasporto in minibus, visite a laboratori dell’artigianato artistici, chiese e pievi, ingressi a piccoli musei e l’aperitivo o la degustazione al termine della gita.

Tutte le informazioni nella pagina dedicataIn questa pagina invece, il calendario completo, di tutte le attività legate alle tradizioni artistiche, storiche e culturali del territorio.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Piemonte, Parco Nazionale Val Grande: il calendario delle escursioni guidate

Lombardia, escursioni estive con le guide alpine: il programma completo

Alto Adige, Alpe di Siusi: la maratona ai piedi dello Sciliar