Bergamo, il Festival Cinematografico delle Foreste alla sesta edizione

L'intento del Festival delle Foreste è quello di costruire, edizione dopo edizione, una cineteca internazionale dedicata ai polmoni verdi della terra attraverso l'arte del cinema, della musica e numerosi eventi dedicati

16 novembre 2023 - 18:04

I polmoni verdi della terra

Dal 14 al 22 novembre andrà in scena la sesta edizione del Festival Cinematografico delle Foreste con la proiezione di ben 14 film ricevuti da diverse nazioni del mondo.

L’iniziativa è nata nel 2018 all’interno del ‘World Forum on Urban Forest’ di Mantova organizzato dalla FAO.

L’evento è a ingresso libero e si svolgerà a Bergamo dislocato in diverse sedi: dall’auditorium alla sala Galmozzi fino alla sala Olmi.

Si tratta di un progetto condiviso con l’assessorato al verde pubblico del Comune di Bergamo e provincia assieme a diversi altri partner ideato per permettere a tuti gli appassionati di conoscere, attraverso video suggestivi, le foreste del mondo.

Un’attenzione particolare verrà data al Parco delle Alpi Cozie, presente in due speciali momenti all’interno della nove giorni della rassegna.

Come ogni anno, al Festival ci sarà un paese ospite e quest’anno sarà l’Uruguay, che illustrerà e farà conoscere i propri territori che ospitano le più grandi foreste della Terra.

L’intento del Festival delle Foreste è quello di costruire, edizione dopo edizione, una cineteca internazionale dedicata ai polmoni verdi della terra.

L’archivio, unico a livello internazionale, accoglie lungometraggi e cortometraggi tematici, didattici, d’animazione, fiction e documentari. Il tema di fondo è sempre uno: la foresta e le sue infinite declinazioni.

Il programma

La rassegna dell’evento sarà lunga, decisamente variegata e ricca di appuntamenti interessanti capaci di coniugare l’arte del cinema con la sinfonia della musica e la bellezza della natura.

Martedì 14, Auditorium Piazza della Libertà

Il Festival avrà inizio a partire dalle 20.30 con la serata inaugurale che si svilupperà partendo dalla presentazione del Parco delle Alpi Cozie da parte dell’ente gestionale delle aree protette del Parco.

Seguirà la rassegna cinematografica con 3 film, due dei quali fuori concorso.

Il primo di questi si intitola ‘I giganti del Puy – La storia di un piccolo bosco’, un cortometraggio di 9 minuti diretto da Bruno Usseglio.

Il film porterà alla scoperta dei larici secolari di enormi dimensioni che abitano le Alpi Cozie: i giganti del Puy di Fenestrelle.

Seguirà la presentazione del gruppo consolare dell’America Latina e dei Caraibi assieme a quella del paese ospite, l’Uruguay.

Concluderanno la serata la proiezione del film fuori concorso ‘Humedales di Maldonado. Il bosco impossibile’ (14 minuti) assieme al concerto ‘Autumn in music’.

Mercoledì 15, Sala Galmozzi

L’evento proseguirà dalle 17 con la rassegna dei film in concorso.

Ci saranno ‘Little Ox’, un film del regista belga Raf Wathion che racconterà la storia di un giovane bue muschiato e della sua mandria intenti a migrare lungo la fredda e arida tundra.

Seguirà Dove l’uomo non è più sovrano di Paolo Rossi, una pellicola incentrata sull’abbandono da parte dell’uomo di alcune aree dell’Appennino, con conseguente riappropriazione degli spazi da parte della natura.

Concluderanno il pomeriggio i film ‘Pietra per pietra’ di Marzio Bertolucci e ‘Alptrees’ di Alfredo Croce.

Dalle 20.30, la giornata terminerà con la proiezione di ‘Quando ero bambino sognavo di diventare un albero’ di Roberto Soramaè, riguardante la vita di Merino, che fin da bambino ha vissuto in simbiosi con il bosco e gli alberi.

 

Giovedì 16, Sala Galmozzi

La terza giornata del Festival comincerà dalle 17 sempre con i film in concorso.

Aprirà ‘Consequences of global rainforest destruction’ del regista tedesco Leo Rey.

Quest’ultimo affronta il tema  del clima globale, di come questo sia influenzato dalle nostre scelte alimentari che coinvolgono allevamenti intensivi e soia.

Seguirà il film spagnolo ‘Bo and Trash’ di Tatiana Skorlupkina assieme a  ‘Di fronte al vecchio albero’, regia di Paolo Rossi e Nicola Rebora.

Infine, ‘The pillar of strenght’ del malesiano Aie Ibrahim e ‘Il seme del futuro’ di Francesca Frigo, un film che affronta la tematica del cambiamento climatico e dello squilibrio degli ecosistemi.

Concluderà la rassegna cinematografica il film olandese ‘Children of Mavungu’ di Mirjan Monks dalle 20.30.

Venerdì 17, Sala Olmi

L’evento prosegue dalle 15 con un convegno sul drenaggio urbano sostenibile a cura del comune di Bergamo e l’assessorato al Verde pubblico.

In serata, dalle 20.30, altri 3 film concorrenti.

Ci saranno ‘Open your eyes’  di Michele Gaddini, ‘Kuli calling’ di Satyakam Phukan (India), infine, ‘Il bosco che non c’era’ realizzato dal regista Giovanni Pellegrini.

Sabato 18, Parcheggio Istituto Quarenghi/Sala Galmozzi

Si parte con la quarta giornata a partire dalle 13.30 con il laboratorio per bambini a cura dell’orto botanico di Bergamo ‘Lorenzo Rota’ in collaborazione con l’Associazione Ucraina Zlagoda.

Dalle 14 ci sarà poi la messa a dimora di piante forestali a cura dell’assessorato al verde pubblico del Comune di Bergamo in collaborazione con l’associazione Zlaghoda.

A partire dalla 17, in sala Galmozzi, un altro incontro sulle Alpi Cozie accompagnato dalla replica del film ‘I giganti del Puy’.

A seguire, la cerimonia di premiazione del concorso cinematografico che si concluderà con ‘Humedales di Maldonado. Il bosco impossibile’.

Domenica 19, Parco dei Colli di Bergamo

Termina la settimana totalmente all’aria aperta con un’escursione nei boschi di Valmarina a cura del Parco dei Colli di Bergamo dalle 9.30.

Dalle 15.30, poi, ci si potrà spostare nella sala Viscontea, in piazza Cittadella, e partecipare al laboratorio pensato per le famiglie intitolato ‘Una foresta in una stanza’, a cura dell’orto botanico di Bergamo ‘Lorenzo Rota’.

Lunedì 20, Scaletta Colle Aperto

Passato il weekend si ricomincia dalle 17.15 con la mostra fotografica ‘Io non scendo. Donne che salgono sugli alberi e guardano lontano’, un dialogo tra natura e fotografia, con Laura Leonelli e Gabriele Rinaldi.  Il tutto si svolgerà nel suggestivo giardino d’inverno dell’orto botanico.

Martedì 21, Scuola d’infanzia di Colognola/Sala Galmozzi

In occasione della giornata nazionale della pianta, dalle 9.30 ci sarà la messa a dimora piante nelle scuole e nei quartieri cittadini a cura del Comune di Bergamo in collaborazione con i Carabinieri Forestali e le associazioni del territorio.

Dalle 17, in sala Galmozzi, ci sarà la consegna dei riconoscimenti ad associazioni e persone che si sono contraddistinte, con le loro azioni, nella valorizzazione e nella tutela del verde.

Il titolo della cerimonia sarà  ‘Innesti. Storie da raccontare ‘.

Mercoledì 22, Scuola d’infanzia paritaria

A concludere questo sostanzioso programma ci sarà, nuovamente e a partire dalle 9.30, la messa a dimora piante nelle scuole e nei quartieri cittadini a cura del Comune di Bergamo in collaborazione con i Carabinieri Forestali e le associazioni del territorio.

 

Se siete in cerca di ulteriori dettagli riguardo l’evento, potete consultare il sito web dedicato all’evento

 

_ Continua a leggere altre notizie sul trekking e l’outdoor

 

Seguici sui nostri canali social! 
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trekking e teatro: 11 spettacoli camminando sul Sentiero CAI Italia

Zecche: rischi, prevenzione e intervento. I consigli delle Guide Alpine

Monti Sibillini, misure per limitare gli accessi durante le fioriture di Castelluccio di Norcia