Green Community: FEDERBIM e le aree montane protagoniste dei nuovi modelli di sviluppo

18 marzo 2020 - 17:35

Si è conclusa poche settimane fa la fase di consultazione pubblica con cui ha preso il via il percorso che porterà alla formulazione della Strategia Nazionale delle Green Community, un documento concertato e condiviso da istituzioni, enti pubblici e privati portatori di interessi, corrispondente ad un piano di sviluppo sostenibile, volto a valorizzare le risorse dei territori rurali e di montagna, aprendo un rapporto di sussidiarietà e di scambio con le aree urbane e metropolitane.

Con la prima fase di consultazione pubblica la Presidenza del Consiglio del Ministri Dipartimento per gli Affari regionali e le autonomie, di concerto con il Ministero dell’Economia, il Ministero delle Attività culturali, il Ministero delle Politiche agricole e il Ministero dell’Ambiente, recependo le indicazioni dell’art.72 della legge n°221 del 28 dicembre 2015 (Collegato ambientale 2016), recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”, ha voluto raccogliere, da parte di tutti i soggetti interessati idee e progetti, inerenti buone pratiche e modelli di sviluppo rispettosi dell’equilibrio ambientale.

Nell’oggetto della consultazione ricadono numerose tematiche strettamente connesse alla aree montane e a attorno alle quali sui la FEDERBIM, la Fondazione Montagne Italia e i diversi Bacini Imbriferi Montani lavorano già da tempo.

Citiamo ad esempio la gestione integrata e certificata del patrimonio “agroforestale” e delle risorse idriche la produzione di energia da fonti rinnovabili locali, quali i microimpianti idroelettrici, le biomasse, il biogas, l’eolico, la cogenerazione e il biometano, lo sviluppo di un turismo sostenibile, la costruzione e gestione sostenibile del patrimonio edilizio e delle infrastrutture di una montagna moderna, l’efficienza energetica e integrazione “intelligente” degli impianti e delle reti, lo  sviluppo sostenibile delle attività produttive (zero waste production), l’integrazione dei servizi di mobilità e lo sviluppo di un modello di azienda agricola sostenibile che sia anche energeticamente indipendente attraverso la produzione di energia rinnovabile nei settori elettrico, termico e dei trasporti.

Nello scorso mese di marzo, su invito della FEDERBIM, i rappresentanti dei vari BIM operanti sul territorio italiano hanno provveduto ad inviare le proprie proposte ed esperienze alla Pesidenza del Consiglio, che, a breve, provvederà a pubblicare tutti i documenti pervenuti sul sito www.affariregionali.it, per poi raccoglierli in un documento riassuntivo che costituirà la base per lo sviluppo della Strategia Nazionale delle Green Community.

“FEDERBIM e Fondazione Montagne Italia si inseriscono benissimo in questo contesto – commenta il presidente di FEDERBIM Carlo PersoneniAlla luce delle loro finalità costitutive, infatti, puntano ad identificare e sostenere i bisogni delle comunità di riferimento, prefiggendosi la loro crescita secondo i valori della solidarietà, della sostenibilità e di un’ “economia leggera” basata sul rispetto dell’ambiente e del lavoro, sul risparmio di risorse naturali ed energia, sulla riduzione degli sprechi, sul recupero, riutilizzo e riciclo delle materie, sulla produzione di beni e servizi in maniera eco- intelligente. Logico, quindi, produrre un proprio contributo nel settore della green economy”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cinque Terre, accesso gratuito ai sentieri del Parco per la Giornata Europea dei Parchi

Valle d’Aosta, nasce La Thuile Infinity Trekking, 520 km di sentieri tra le Alpi

Puglia, Gargano Sacro: un cammino tra spiritualità, storia e natura