Brividi in Tirolo: bagni, nuotate e trekking nel ghiacciaio Hintertux

Farsi una nuotata in pieno inverno non è esattamente un'attività a cui si pensa normalmente. Farlo in un ghiacciaio poi, ancora meno. Eppure in Tirolo, nel ventre dell'Hintertux, è possibile nuotare, fare trekking e rafting nell'incredibile scenario disegnato da stalattiti, stalagmiti e fiumi sotterranei.

20 gennaio 2022 - 11:24

Outdoor nel ghiacciaio: rafting, trekking e nuoto nel ventre dell’Hintertux

Da brivido: il nuovo trend è una bella nuotata nei laghi gelidi, tra stalattiti e stalagmiti.

Un bagno nel ghiaccio non è solo un’esperienza mozzafiato (in tutti i sensi, anche letterale), ma per alcuni anche un’esperienza meditativa.

A causa del freddo, è possibile concentrarsi meglio su se stessi.

Johann Wolfgang von Goethe era già un sostenitore del nuoto nel ghiaccio nel 18esimo secolo, senza ancora sapere che fosse possibile farlo anche su un ghiacciaio, precisamente nel lago glaciale naturale sul ghiacciaio di Hintertux.

È un’area di allenamento ufficiale per i migliori nuotatori nel ghiaccio di tutto il mondo.

Ma anche gli ospiti in vacanza possono immergersi, se lo desiderano.

Basta solo essere sportivi, godere di ottima salute fisica e. diciamolo, essere anche un po’ pazzi e temerari.

Trekking e gita in canotto nel ventre del ghiacciaio

Questo ghiacciaio regala altre sorprese per chi vuole provare avventure davvero adrenaliniche.

Il ghiaccio, naturalmente, è protagonista.

Per cominciare a prendere confidenza con l’atmosfera glaciale, si può ad esempio sperimentare il trekking nelle caverne e grotte di ghiaccio.

Avvolti tra pareti di cristallo, si toccano con mano le pareti possenti che il freddo ha modellato.

Un’ora di cammino tra passaggi stretti e ampi disegnati dal ghiaccio fanno apprezzare questo capolavoro della natura.

Un’altra proposta insolita è la visita delle grotte del ghiacciaio seduti a bordo di un canotto oppure, meno comodamente, in piedi su un SUP in perfetto equilibrio per non cadere nell’acqua freddissima.

Il fiume sotterraneo che scorre in alcune gallerie sembra fatto su misura per fare un rafting a misura anche di famiglia.

Gli appassionati si possono cimentare a guidare la tavola tra i cunicoli del ghiacciaio.

La nuotata nel fiume sotterraneo

Come dicevamo, per chi vuole sfidare le temperature polari e sfidare se stessi in un’impresa davvero insolita, niente di meglio che la nuotata nel fiume ghiacciato.

La temperatura dell’acqua è poco sopra lo zero, si nuota qualche minuto dentro tunnel di ghiaccio e la sensazione è quella di sentirsi tutt’uno con l’immenso ghiacciaio.

Si è immersi nel suo ventre, ad una profondità di 30 metri, in un’atmosfera da film di fantascienza.

Le stalattiti, le cascate ghiacciate, il colore e la trasparenza dell’acqua nella sua forma solida e liquida lasceranno un ricordo indelebile.

Per gli indomiti che ne volessero sapere di più, tutte le info a questa pagina:

www.natureispalast.info/en

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dolomiti del Brenta: riapre il Rifugio Maria e Alberto ai Brentei

Dolomiti: arriva il Bike e Music Festival in Paganella

Suoni delle Dolomiti: torna la musica sulle montagne più belle del mondo