Cammini storici nel Lazio

Luoghi storici e religiosi, natura e cultura, l’elevata qualità della tavola e le attività outdoor rimangono tra le prime motivazioni di viaggio lungo i Cammini storici.

18 marzo 2020 - 17:44

Ai confini con la Toscana la Francigena del Nord va incontro alla Tuscia e alla vicina Maremma laziale, un paesaggio rurale dove è facile incontrare butteri e mucche al pascolo; aziende agrituristiche, maneggi, scuderie e centri ippici consentono lezioni di equitazione e piacevoli passeggiate a cavallo.

Percorrendo la Via Cassia si può osservare dall’alto il Lago di Bolsena: sulle acque si pratica pesca, vela e windsurf, costeggiandone invece le rive si può pedalare da Montefiascone fino alle rovine di Bisentium.

Più a sud, nella Valle del Liri, tra il verde delle colline e gli affascinati borghi storici inondati di sole si segnalano altri interessanti giri in bicicletta: l’itinerario nei borghi di S. Oliva e Monticelli, l’itinerario colle della Menola – torretta della forestale, quello più impegnativo che dalla magnifica abbazia di Montecassino procede verso la linea Gustav.

Restiamo sulla Francigena del Sud: in località prossime all’antica via si possono praticare attività più ardimentose del semplice camminare.

Mani forti, ferme, afferrano le più effimere sporgenze della roccia: non sono grandi pareti e montagne famose, ma brevi ascensioni tecniche, come la falesia di Grotti nella Valle del Salto, le 296 vie di arrampicata di Sperlonga e le pareti alle spalle della spiaggia dell’Arenauta (Gaeta).

L’ebrezza del vuoto fanno del free climbing e del parapendio due degli sport più spettacolari del nostro tempo: Norma, sui Lepini, Roccasecca dei Volsci sugli Ausoni e Sperlonga nell’area degli Aurunci, sono punti di decollo ideali per gli appassionati di deltaplano e di parapendio.

In Ciociaria i siti migliori per praticare il  volo libero sono Monte Scalambra presso Serrone,  Tre Ponti Superiori di San Donato Val di Comino e Monte Cairo vicino a Terelle. In provincia di Rieti la scuola di volo di Poggio Bustone propone anche voli turistici in biposto.

Nei luoghi della natura e della pace, quasi al confine dell’ascesi religiosa, il torrentismo e il rafting sui fiumi Nera e Velino sono sport che consentono di avvicinarsi a luoghi davvero incontaminati.

Contigliano, borgo che sorge lungo il Cammino di Francesco, rappresenta il punto di riferimento per questi sport acquatici estremi. Sempre nella Valle Santa, a Rivodutri, Cammino di Benedetto, vengono organizzate escursioni in mountain bike, voli turistici e lanci con parapendio biposto.

Dai laghi Lungo e di Ripasottile partono Sentieri Natura intervallati da capanni per l’osservazione dell’avifauna. I rilievi del Terminillo e la Leonessa sono invece un punto di richiamo importante nella vita dei vacanzieri della neve.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Calabria, nasce la Ciclovia dei Parchi: 545 chilometri in bici nella natura

Domenica 10 Ottobre: in tutta Italia si celebra la Giornata Nazionale del Camminare

A Pistoia inizia il Cammino delle Credenziali