Liguria: le Miniere di Gambatesa rivedono la luce

18 marzo 2020 - 16:40

L’insolita ricchezza mineralogica e la fiorente attività estrattiva contribuirono non poco al paesaggio attuale della Val Graveglia (GE).

Ai fini del mantenimento della memoria storica di questa parte dell’entroterra chiavarese, presso il più importante giacimento di manganese d’Europa venne allestito il Museo mineralogico di Gambatesa.

La miniera, non più attiva, venne riconvertita a fini turistico-didattici grazie ad un percorso esterno, comprensivo del centro visite e del Museo e un circuito interno che prevede l’assistenza di una guida specializzata. Purtroppo nel 2012, a seguito della cessazione dell’attività mineraria cambiò il quadro normativo di riferimento che determinò la sospensione dell’accesso ai cantieri sotterranei da parte dell’Ente Parco Regionale dell’Aveto. Prima della sua chiusura il sito minerario registrava flussi di visitatori secondi solo a quelli dell’Acquario di Genova.

Finalmente, a distanza di quattro anni la miniera è pronta a riaprire: un turismo significativo in termini di qualità e di quantità consentirà anche il riavvio dell’indotto economico dell’entroterra chiavarese e nuove possibilità occupazionali.

In questo mondo caliginoso, lungo chilometri di cunicoli collegati per mezzo di fornelli, discenderie e rimonte, esplorato in parte su un trenino a vagoncini, un tempo utilizzati per il trasporto dei minerali, il visitatore scoprirà i metodi di perforazione, le tecniche estrattive, l’uso dell’esplosivo, con un coinvolgimento totale nel mondo esclusivo del minatore.

Testo e foto di Enrico Bottino

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Val Vigezzo: la magia dell’autunno viaggia con il Treno del Foliage

Piemonte, Monferrato: Festival del Turismo Responsabile, 8 – 10 ottobre

Autunno in Friuli Venezia Giulia: esperienze enogastronomiche sulle strade del vino e dei sapori