Monti Sibillini, misure per limitare gli accessi durante le fioriture di Castelluccio di Norcia

Ogni anno, l'incredibile spettacolo della fioritura a Castelluccio di Norcia attira migliaia di visitatori. Per proteggere questo delicato ecosistema, sono state adottate misure per regolamentare i flussi turistici tra giugno e luglio 2024.

14 giugno 2024 - 11:24

Si sta avvicinando il momento della spettacolare fioritura a Castelluccio di Norcia, le autorità locali hanno annunciato nuove misure per regolamentare il flusso turistico e proteggere l’ecosistema dei Monti Sibillini.

Le iniziative, frutto della collaborazione tra l’Ente Parco e i Comuni di Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera e Norcia, prevedono un piano di mobilità sostenibile che sarà attuato durante le quattro domeniche centrali della fioritura, dal 16 giugno al 7 luglio 2024.

 

Regolamentazione del traffico veicolare

Durante le domeniche del 16, 23, 30 giugno e 7 luglio, l’accesso a Castelluccio di Norcia sarà interdetto a auto e camper.

I visitatori dovranno utilizzare i parcheggi di prossimità e raggiungere Castelluccio tramite un servizio di navette.

Sarà consentito l’accesso solo ai mezzi a due ruote, ai residenti e ai veicoli con autorizzazioni speciali.

I bus turistici potranno lasciare i passeggeri in prossimità del “Deltaplano” o della “Piazzetta” e poi dovranno spostarsi nei parcheggi di prossimità.

Le deviazioni previste per garantire il solo transito senza sosta riguardano specificamente le strade tra Castelsantangelo sul Nera, Arquata del Tronto e Norcia. Per esempio, chi proviene da Castelsantangelo sul Nera potrà procedere verso Arquata del Tronto o Norcia attraverso la strada provinciale, mentre da Arquata del Tronto verso Castelsantangelo sul Nera il transito sarà deviato sulla strada “Delle Cavalle”.

Durante queste giornate, sarà permesso il solo transito senza sosta per coloro che devono spostarsi tra i tre comuni principali (Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera e Norcia).

Le deviazioni saranno segnalate sul posto e i trasgressori, rischieranno multe e la rimozione del veicolo.

Questa regolamentazione mira a ridurre l’impatto ambientale e a evitare la congestione stradale che potrebbe compromettere l’esperienza dei visitatori e la sicurezza locale.

Inoltre, se il flusso di veicoli dovesse creare una congestione eccessiva, potrebbero essere introdotte ulteriori limitazioni temporanee.

 

Servizi di parcheggio e navette

Per gestire l’afflusso turistico, saranno predisposti parcheggi di prossimità collegati da navette a Castelluccio.

I visitatori dovranno prenotare il parcheggio e i posti navetta tramite i siti marcheroma.contram.it (per chi accede da Castelsantangelo sul Nera e Norcia) e startspa.it (per chi accede da Arquata del Tronto). Sarà possibile acquistare biglietti last minute, fino a esaurimento posti, direttamente sul posto o online.

Questa soluzione, già sperimentata con successo negli anni precedenti, ha dimostrato di essere efficace nel gestire grandi flussi di visitatori senza compromettere l’integrità del paesaggio.

Per i sabati del 15, 22, 29 giugno e 6 luglio, il libero transito sarà consentito, con divieto assoluto di sosta sui prati.

La modalità di fruizione dei sabati successivi sarà decisa di volta in volta, in base alle situazioni di traffico riscontrate.

Il servizio parcheggi di prossimità e navette sarà comunque disponibile ogni sabato.

Queste misure sono state adottate per evitare le criticità del passato e rispettare la sentenza della Corte di Appello di Roma che vieta la realizzazione di parcheggi sul Pian Grande di Castelluccio.

Nei giorni feriali diversi dai sabati e dalle domeniche indicate, l’accesso sarà libero per tutti i mezzi, con divieto di sosta sui prati.

I visitatori sono invitati a rispettare le indicazioni fornite e a collaborare per garantire un’esperienza piacevole e sicura per tutti.

La prenotazione anticipata del servizio navette è fortemente consigliata per evitare inconvenienti e assicurarsi un posto nei parcheggi di prossimità.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cinque Terre, dopo 12 anni riapre la Via dell’Amore: uno degli itinerari più iconici al mondo

Turista attaccato da un orso in Trentino Alto Adige: portato in ospedale

Tragico incidente in Valle d’Aosta: morti due alpinisti durante una scalata sul Monte Bianco