Machu Picchu: il primo trekking sull’Inca Trail interamente femminile

Un trekking di cinque giorni per arrivare al cospetto dell'antico insediamento Inca del Machu Picchu. Un percorso tra i più noti del Perù e del mondo che, per la prima volta, sarà percorso da un gruppo interamente composto da donne. Un'iniziativa per sensibilizzare l'opinione pubblica del paese sul tema della parità di genere nel mondo del lavoro.

24 marzo 2021 - 15:39

L’Inca Trail è uno degli itinerari più noti del sud America, percorso ogni anno da migliaia di trekker, per seguire le orme delle antiche popolazioni Inca fino a raggiungere il celebre insediamento antico del Machu Picchu.

Nelle prossime settimane partirà il primo trekking interamente femminile, in cui le guide, le accompagnatrici e le clienti saranno tutte donne. Un’iniziativa molto importante e di grande impatto in un paese come il Perù, che sta ancora facendo il suo percorso per arrivare alla parità di genere.

Fino al 2017 la professione di guida e di accompagnatore era riservata esclusivamente agli uomini, dopo quella data alcune società e tour operator locali hanno iniziato ad assumere anche donne.

Nessun trekking fino ad oggi era stato però affidato alla guida e alla organizzazione di un gruppo interamente femminile, con un salario pari a quello degli uomini.

La parità di condizioni economiche e professionali tra le guide del Perù sta iniziando ad affermarsi solo negli ultimi anni.

Un percorso che doveva seguire le tracce dell’antico percorso dell’Inca Trail, le restrizioni imposte dal Governo per contrastare la diffusione della pandemia ha costretto però il gruppo a modificare l’itinerario.

Si incammineranno sull’itinerario storico a partire dal chilometro 105, dopo aver seguito una deviazione lungo il Salkontay Trail, e dopo cinque giorni di cammino arriveranno a destinazione, al cospetto delle rovine del Machu Picchu.

Un percorso piuttosto impegnativo per guide e accompagnatori, ogni sera infatti deve essere montato un accampamento per la notte, che la mattina deve essere smontato e trasportato in spalla.

Il gruppo è composto da otto accompagnatrici, che trasporteranno le attrezzature in zaini da 15 chili, e due guide che presenteranno al gruppo tutte le caratteristiche del percorso.

Una delle guide del trekking, Lucia Vela Sasa, intervistata dal Lonely Planet, ha detto di essere particolarmente emozionata per questo viaggio, un importante passo verso l’emancipazione delle donne nel paese.

La speranza è che questo gruppo di lavoro, nel corso del 2021, possa ripetere il trekking ogni 15 giorni accompagnando i gruppi nell’antica città, fino a diventare una proposta fissa della società per la quale lavorano.

Si chiama Evolution Trek Perù il tour operator che ha organizzato il viaggio ed è stato uno dei primi del paese ad assumere donne come guide e a garantire loro parità di salario rispetto agli uomini.

Uno dei co-fondatori della società, Miguel Angel Góngora Meza, ha detto di essere molto soddisfatto di questo trekking, per il valore simbolico di questa iniziativa e per l’impatto che spera possa avere anche verso tutte le altre società del Perù che operano in questo e altri settori.

Nel paese sono in atto grandi e positivi cambiamenti che vanno nella direzione della parità di trattamento e della emancipazione delle donne nel mondo del lavoro, per questo iniziative di questo tipo possono avere un ruolo fondamentale nel cambio di mentalità della popolazione.

Per avere maggiori informazioni su questi trekking visitare il sito di Evolution Trek Perù.

 

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Val Vigezzo: la magia dell’autunno viaggia con il Treno del Foliage

Piemonte, Monferrato: Festival del Turismo Responsabile, 8 – 10 ottobre

Autunno in Friuli Venezia Giulia: esperienze enogastronomiche sulle strade del vino e dei sapori