Dal 2022 nuove norme e sanzioni più dure per chi va su sci e ciaspole

Obbligo di casco per chi scia fino a 18 anni e possibilità di controllo con etilometro, estensione dell'obbligo di Artva, pala e sonda per i ciaspolatori e sanzioni più severe: vediamo le nuove norme per chi pratica attività outdoor invernale, che entreranno in vigore dal 1 Gennaio 2022.

12 novembre 2021 - 12:57

Attività outdoor sulla neve: dal 1 Gennaio 2022 si cambia, nuove regole e sanzioni

Dal primo gennaio 2022 entreranno in vigore le nuove norme sulla sicurezza nelle discipline sportive invernali, previste dal decreto legislativo 28 febbraio 2021, n. 40.

Seppure buona parte della disciplina previgente sia stata confermata, sono state introdotte alcune significative novità per chi pratica attività outdoor sulla neve.

Le nuove regole riguardano gli escursionisti su ciaspole, gli sciatori e chi fa pratica di scialpinismo.

Piste da sci: assicurazione obbligatoria e novità per chi usa le ciaspole

Importanti novità per chi si muove sulle piste da sci.

Per gli sciatori l’obbligo di indossare il casco ora fissato a 14 anni, viene portato a 18 anni.

Viene introdotto un obbligo di assicurazione per responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi (art.30).

Il decreto fissa anche uno standard minimo di diligenza nel caso si affrontino piste di particolare difficoltà.

L’art 27 stabilisce infatti che “per poter accedere alle piste caratterizzate da un alto livello di difficoltà e con pendenza superiore al 40%, contrassegnate come pista nera, lo sciatore deve essere in possesso di elevate capacità fisiche e tecniche”.

Che cosa significa in pratica questa disposizione?

Significa che lo sciatore che abbia causato su una pista nera un incidente non essendo “in possesso di elevate capacità fisiche e tecniche”, sarà da considerarsi per presunzione responsabile per colpa del danno stesso.

Di opposto tenore l’art. 21.

La disposizione abolisce l’obbligo di dare precedenza a chi viene da destra.

Si prevede infatti che “Gli sciatori devono modificare la propria traiettoria e ridurre la velocità per evitare ogni contatto con gli sciatori giungenti da altra direzione o da altra pista”.

Brutte notizie per i ciaspolatori: il decreto fa espressamente divieto di percorrere le piste a piedi o con le ciaspole.

Altra novità: divieto di sciare in stati di ebbrezza, con possibilità di essere sottoposti all’etilometro.

Le sanzioni: fino a 1000 euro per chi affronta la pista nera senza averne la capacità

Vediamo le sanzioni per chi viola queste disposizioni.

In caso di infrazioni,  il valore minimo delle sanzioni amministrative pecuniarie è aumentato: si passa da 20 a 50-100 euro, mentre è stato abbassato il valore massimo da 250 a 150 euro.

In caso di sciata su pista nera senza averne le capacità e in caso di sciata in stato di ebbrezza le sanzioni vanno da 250 a 1.000 euro.

Attività fuori pista: obbligo di Artva, pala e sonda inasprito per ciaspolatori, escursionisti, sciatori

Il decreto prevede l’obbligo di dotarsi di Artva, pala e sonda da neve per ciaspolatori, escursionisti e sciatori  nel praticare tali attività “in particolari ambienti innevati, laddove, per le condizioni nivometeorologiche, sussistano rischi di valanghe”.

Questa nuova disposizione inasprisce la vecchia norma, che parlava di “evidenti rischi di valanghe, in rapporto alle condizioni climatiche della neve”.

In questo modo l’obbligo della dotazione esiste non più al grado 3 della scala del pericolo valanghe, ma già al grado 2.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sardegna: al via gli abbattimenti di cinghiali a Maddalena e Caprera

Alpi Orobie: in cammino nelle atmosfere invernali

Tre escursionisti salvati sull’Etna dalla Guardia di Finanza: le immagini