Governo, nuovo Decreto: divieto di sposamento tra Regioni fino al 27 Marzo

Il Consiglio dei Ministri, convocato per questa mattina dal Premier Draghi, ha deciso che il divieto di spostamenti tra regioni è prorogato fino al 27 marzo. Rimarrà anche il sistema dei colori per la suddivisione del territorio nazionale in fasce di rischio, con la possibilità per le Regioni di istituire zone rosse locali.

22 febbraio 2021 - 11:23

Questa mattina c’è stato il primo Consiglio dei Ministri operativo del Governo Draghi, nel quale si è decisa la proroga del divieto di circolazione tra regioni, di qualunque fascia di rischio, fino al 27 marzo.

Rimane consentito superare i confini regionali per ragioni di lavoro, salute o di stretta necessità. Nei territori in fascia di rischio gialla è consentito spostarsi verso una sola abitazione, per massimo due adulti più figli minori di 14 anni.

Nelle regioni arancioni questi spostamenti sono comunque limitati al territorio comunale, non ci sono deroghe invece per le zone rosse, nelle quali sono vietati tutti gli spostamenti.

Le norme saranno in vigore dal 5 marzo, data di scadenza del precedente decreto.

 

Palestre, piscine e impianti da sci

Confermata anche la chiusura degli impianti sportivi al chiuso, come palestre e piscine. Nessuna novità nemmeno per le piste da sci, gli impianti di risalita per adesso rimangono chiusi fino alla metà di marzo.

Su quest’ultimo punto le valutazioni si faranno nelle prossime settimane, monitorando l’andamento della curva epidemiologica nelle diverse regioni.

 

Il sistema dei colori e le zone rosse

Secondo le prime indiscrezioni riportare da TPI.it, dovrebbe essere confermato il sistema della mappa di rischio a colori dell’Italia con una semplificazione dei parametri presi in considerazione dagli esperti.

Inoltre le Regioni, di concerto con il Ministero della Salute, potranno valutare l’istituzione di zone rosse localizzate a territori comunali e provinciali.

In questo modo si dovrebbero rendere le misure restrittive meno penalizzanti per regioni che hanno solo alcuni territori in situazioni critiche.

 

Il doppio binario di restrizioni e indennizzi per le perdite

Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari Regionali, e il responsabile della Salute Roberto Speranza, hanno comunicato ieri sera ai Presidenti di Regione che d’ora in avanti si agirà secondo due linee parallele, ovvero misure di contenimento affiancate ai ristori per i settori bloccati.

Le Regioni e le Province Autonome hanno sottoposto al Governo un documento in 6 punti, in cui sono indicate alcune priorità nella gestione dell’emergenza sanitaria nelle prossime settimane.

Si chiede un’accelerazione sulla campagna vaccinale, con la necessità di reperire nuove dosi, una rivisitazione dei parametri per valutare le fasce di rischio e delle misure ad hoc per la scuola.

Le proposte saranno portate nei prossimi giorni in Consiglio dei Ministri dalla ministra Gelmini.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’Alleanza per la Mobilità Dolce: 7 proposte per la mobilità dolce e il turismo sostenibile

Nuovo PNRR, il turismo sostenibile e la mobilità attiva

Ambiente e sostenibilità: arrivano conferme sul nuovo Ministero per la transizione ecologica