Orso aggredisce escursionista in Trentino

Un uomo di 38 anni è stato aggredito da un orso in Trentino, mentre si trovava su un sentiero in Val di Sole con il proprio cane. L'uomo ha riportato ferite alla testa e ad un braccio. Le autorità sono al lavoro per catturare l'orso e dotarlo di radiocollare

7 marzo 2023 - 11:59

L’aggressione è avvenuta nella prima mattinata di domenica 5 marzo ai danni di un’escursionista che si trovava lungo un sentiero tra la Val di Rabbi e la Val di Sole.

I media locali hanno affermato che l’uomo si trovava in cammino insieme al suo cane quando, intorno alle 8 e 30 del mattino, si è trovato faccia a faccia con l’animale.

La vittima dell’aggressione è Alessandro Cicolini, 38 anni, macchinista della società Trentino Trasporti, fratello del sindaco del Comune di Rabbi Lorenzo Cicolini.

Il sindaco, che ha ricevuto la chiamata di aiuto dal fratello, ha raccontato al Corriere della Sera che il fratello stava percorrendo un sentiero quando ha visto arrivare giù dal bosco l’orso a gran velocità.

Quando ha visto il grosso animale, questo si trovava a circa 30 metri da lui. L’uomo ha così provato a fuggire ma, in pochi istanti, l’orso l’ha raggiunto e l’ha morso alla testa e al braccio.

Il sindaco ha poi raccontato dal Corriere: “Sono rotolati tutti e due giù dal sentiero e l’orso non mollava la presa. Sono caduti a qualche metro di distanza. Lui lo ha guardato per qualche secondo,  e poi se n’è andato”

Alessandro Cicolini è ricoverato in ospedale, le ferite alla testa sono state medicate ma i medici hanno disposto un intervento chirurgico urgente al braccio.

_ Leggi l’articolo: come comportarsi in caso di attacco di un orso

 

Il presidente della Provincia Fugatti: “Ricostruiremo l’accaduto e cattureremo l’orso”

Il corpo forestale trentino sta effettuando dei sopralluoghi in Val di Rabbi, proprio nel tratto di sentiero dove è avvenuta l’aggressione, per raccogliere informazioni e materiale biologico per ricostruire l’accaduto.

Gli accertamenti tecnici permetteranno di identificare l’animale così da riuscire a catturarlo e dotarlo di radiocollare. Saranno quindi compiute le valutazioni del caso e sentito il parere di Ispra.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e l’assessore all’agricoltura e foreste, Giulia Zanotelli, stanno seguendo in tempo reale gli approfondimenti legati a questa vicenda.

Fugatti ha dichiarato:

“Ho segnalato la gravità di questo ennesimo episodio al ministro all’ambiente, Pichetto Fratin con l’impegno di tenerlo costantemente aggiornato e l’invito ad affrontare assieme un problema che non può più essere tenuto in sospeso”.

 

Seguici sui nostri canali social! 
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Premiazione concorso fotografico Obiettivo Terra 2024: il 22 aprile a Roma!

Obiettivo Terra 2024: ritorna il premio fotografico dedicato alle aree protette d’Italia

Cammini Aperti: il 13 e 14 aprile eventi sui percorsi storici e di fede in tutta Italia