Overshoot Day: oggi abbiamo esaurito le risorse della terra per quest’anno

Siamo solo a luglio e la popolazione mondiale ha già consumato tutte le risorse naturali disponibili per il 2021. Si chiama Overshoot Day il giorno che ogni anno segna il consumo delle risorse che il pianeta riesce a produrre in un anno.

29 luglio 2021 - 9:30

Oggi 29 luglio 2021 abbiamo esaurito le risorse naturali che il Pianeta Terra riesce a fornirci nel corso di un anno, da qui in avanti la popolazione mondiale inizia a vivere a “debito” .

Si chiama Overshoot Day ed è la data simbolica in cui si superano le risorse rese disponibili nel corso di un anno dal Pianeta.

In pratica la popolazione della terra per vivere un anno ha bisogno di più risorse naturali di quelle che la Terra riesce a produrre nello stesso arco di tempo.

Un trend iniziato ormai molti anni fa: per esempio nel 1970 gli scienziati accertarono che il 29 dicembre il pianeta aveva esaurito le sue risorse per l’anno in corso.

Da quel momento in avanti abbiamo consumato sempre di più, l’Overshoot day da quel momento in avanti si è sempre anticipato.

Solo lo scorso anno c’è stata, per la prima volta, un’inversione di tendenza.

Infatti le risorse annuali si erano consumate il 22 agosto, dato da attribuire quasi esclusivamente alla pandemia globale e alle conseguenti misure di contenimento.

Un dato che è direttamente collegato alla crisi climatica, infatti questo notevole consumo di risorse del pianeta è dovuto sia all’aumento dell’industrializzazione che alla distruzione degli ecosistemi.

Inquinamento, consumo del suolo, deforestazione e combustibili fossili sono tra i principali responsabili della crisi climatica e dell’impoverimento delle risorse naturali del Pianeta.

L’organizzazione Global Footprint Network, gruppo di studiosi sul Clima, ha dichiarato che per posticipare questa data di tre mesi sarebbe necessario dimezzare le emissioni globali di carbonio.

Questa notizia arriva a 100 giorni dalla prossima Conferenza Internazionale sul Clima, la Cop26, che si terrà a Glasgow il prossimo 31 ottobre.

Un appuntamento cruciale per il destino del pianeta, infatti si avvicina sempre più il punto di non ritorno e azioni concrete non sono più rimandabili.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Autunno in Friuli Venezia Giulia: esperienze enogastronomiche sulle strade del vino e dei sapori

Montagna e impianti di risalita: confermata l’apertura per la stagione invernale

Stati Uniti: da novembre riaprono le frontiere ai turisti eruopei